Sabato 28 Maggio 2022 - Anno XX
Il pasto del pellegrino, quando il chilometro zero era la prassi

Il pasto del pellegrino, quando il chilometro zero era la prassi

Questa settimana Chef Boris ci fa compiere un viaggio non tanto nello spazio quanto nel tempo: nel Medioevo, quando l’Europa era percorsa in lungo e in largo dai pellegrini in marcia. Anch’essi naturalmente dovevano pensare a come nutrirsi per sostenere la fatica del viaggio. Ricostruiamo allora il menu di quei tempi, stagionale, gustoso e semplice da replicare anche ai giorni nostri

PANICCIA

 

Ingredienti per 4 persone

600 grammi di verza
250 grammi di riso arborio od orzo
100 grammi di fagioli secchi
80 grammi di salamelle morbide
75 grammi di pancetta
60 grammi di sedano
30 grammi di carote
20 grammi di cipolle bianche
25 grammi di burro
2 litri di brodo di verdura
1 dl di vino rosso
sale e pepe q.b.

 

Preparazione

Preparare tutte le verdure per la cottura, tagliandole a piccoli dadi regolari. Mettere i fagioli in una casseruola, coprirli con il brodo e insaporire con poco sale. Iniziare la cottura e unire le verdure, coprite con un coperchio e lasciare cuocere per un’ora circa a fuoco dolce. A parte rosolare nel burro la cipolla tritata e la salamella tritata finemente, unire la pancetta, aggiungete il riso o l’orzo, bagnare con il vino rosso e lasciare evaporare. Continuare la cottura versando il brodo con le verdure poco alla volta, aggiungerere la verza e ultimare la cottura.

ZUPPA DI CIPOLLE GRATINATE

 

Ingredienti per 4 persone

4 grosse cipolle
1 litro di brodo
1 bicchiere di vino bianco
Sale e pepe q.b.
Pane a fette q.b.
Formaggio grattuggiato

 

Preparazione

Affettare le cipolle e rosolarle nel burro e olio. Aggiungere il brodo e il vino bianco e insaporire con timo, sale e pepe. Lasciare cuocere per mezz'ora, poi travasare il tutto in una pirofila, coprire con fette di pane e formaggio grattuggiato e infilare in forno caldo a gratinare per circa 5 minuti.

PESCE IN SCAPECE

 

Ingredienti per 4 persone

1 chilo di pesce (va bene qualsiasi tipo disponibile)
½ litro di aceto bianco
½ cucchiaino di zafferano
Farina q.b.
Sale q.b.
Olio per friggere

 

Preparazione

Tagliare il pesce a pezzi, infarinarlo e farlo dorare in padella con olio bollente. In una pentola non di metallo, scaldare l’aceto, quando bolle toglierlo dal fuoco e aggiungere lo zafferano. Disporre a strati in un recipiente i pezzi di pesce fritto e versarci sopra l’aceto e lo zafferano. Fare macerare per 24 ore.

 

PERE MARTIN SEC

 

È una pera tipica del Piemonte, dalla buccia marrone, un prodotto tipico invernale che si mangia cotta nel vino rosso. Così, semplicemente.

(28/04/2014)

© RIPRODUZIONE RISERVATA