Domenica 3 Luglio 2022 - Anno XX

India. Varanasi sulle sponde del Gange

Varanasi, conosciuta anche come Benares, è  la città sacra induista sulle rive del Gange. Situata nell’India del Nord, nello stato dell’Uttar Pradesh, è una città dalle immense umanità, perché l’India è un popolo e tanti popoli. Il fiume sacro, chiamato La Ganga, è soprattutto il fiume dell’India. Come scrisse Jawaharlai Nerhu, è “… un simbolo dell’eterna cultura e civiltà indiana, che sempre cambia e sempre scorre, eppure rimane sempre la stessa…”. L’antica Benares indiana, con i suoi contrasti violenti di colori e penombre di odori e di incensi rappresenta un grande teatro umano nel quale la vita e la morte altro non sono che semplici accadimenti. La frenesia di Varanasi ruota intorno ai suoi Ghat, un centinaio in tutto: gradini di pietra e cemento che scendono sino al fiume e sui quali i pellegrini pregano e svolgono le loro abluzioni. Sui Ghat da sempre si celebra la vita e la morte. Il segreto per chi arriva a Varanasi, in questo posto, non è cercare di capire, bensì di lasciarsi andare, perdersi, limitarsi a seguire gli odori, la luce, i rumori.

Se è vero che cha la prima attività di Varanasi è la redenzione dello spirito, la seconda è sicuramente quella di far volare gli aquiloni. E se è vero che “Madrea Ganga” è piena di preghiere, promesse e cadaveri, il cielo sopra di lei è affollato di pezzetti di carta colorata, attaccati a un lungo filo sottile e un bambino alla sua estremità.

Il video è stato girato da Luis Nogueira