Sabato 13 Aprile 2024 - Anno XXII

L’orgoglio della Svizzera (e…un po’ dell’Italia)

Nel Canton Grigioni grande festa per celebrare l’iscrizione nel Patrimonio dell’Umanità Unesco delle linee del Bernina e dell’Albula della Ferrovia Retica

Locomotore con la nuova livrea dell'Unesco
Locomotore con la nuova livrea dell’Unesco

Il prossimo fine settimana il Cantone Grigioni festeggerà l’inserimento nel Patrimonio Unesco delle due linee, del Bernina e dell’Albula, della Ferrovia Retica, con tre giorni di manifestazioni su tutto il percorso. Il programma è vastissimo. Presso il deposito di Samedan si svolgerà sabato 13 la cerimonia ufficiale. Al di là dei bei discorsi sarà splendido vedere l’esposizione speciale di materiali rotabili, oltre a una sezione dedicata al fermodellismo e poi inizia la festa vera e propria. Da Samedan sono previste anche escursioni a St. Moritz per visitare la mostra sui 150 anni del pittore (italiano) Giovanni Segantini che visse e lavorò a lungo da queste parti. Anche a St. Moritz grande festa sabato sera. A Brusio ci sarà la cerimonia in lingua italiana venerdì sera con concerti di bande locali, giochi di luce e una grande festa popolare.
Da parte italiana, sabato e domenica “Città aperta” a Tirano, con mercato, degustazioni e concerti in piazza: jazz, venerdì sera e Roberto Vecchioni la sera seguente.

Ferrovie da record

Viadotto Landwasser
Viadotto Landwasser

Le due linee sono state incluse nel patrimonio per il loro valore ingegneristico-architettonico (entrambe sono state progettate e costruite nel primo decennio del ‘900) e il paesaggio attraversato. Il percorso va da Tirano, in provincia di Sondrio a Thusis, e unisce due linee. Quella del Bernina è lunga 60 km., termina a St. Moritz ed è la più ripida al mondo ad aderenza naturale e a scartamento metrico. Per i non addetti, ciò significa che il treno sale senza ausilio di cremagliere e che la distanza tra i due binari è di un metro. Inoltre, ha altri due record: la stazione più alta d’Europa, Ospizio Bernina con 2.253 metri di quota e poi l’unico viadotto elicoidale al mondo, quello di Brusio, appena sei chilometri dal capolinea italiano di Tirano, circa tre chilometri, infatti sono sul nostro territorio e la stazione è di fianco a quella di Trenitalia.

LEGGI ANCHE  Cuneo e il mondo

Ingegneria scenografica

Il passaggio del treno sul fiume Landwasser
Il passaggio del treno sul fiume Landwasser

La linea dell’Albula, va da St. Moritz a Thusis ed è lunga 61 km. È caratterizzata da un tracciato difficilissimo che attraversa montagne e scavalca torrenti. Ha il suo culmine nel viadotto sul fiume Landwasser, un capolavoro alto 65 metri che poggia su tre sottili gambe di pietra e che sbuca improvvisamente da una galleria elicoidale appena dopo la stazione di Filisur. Il passaggio di questo viadotto di forma ad arco di cerchio è il momento più spettacolare del viaggio che porta a Thusis e, di lì, a Coira, la capitale del Canton Grigioni. Tuttavia, l’opera di ingegneria più ardita è la galleria dell’Albula, vicino a Preda, costata 4 anni di lavoro e 21 morti per scavare 110 metri di roccia durissima e franosa a 1.823 metri di quota. Da qui fino a Bergün c’è un dislivello di 416 metri in una valle stretta e aspra, che il treno supera grazie a una serie di tunnel elicoidali. D’inverno la strada che collega le due località è chiusa ed è trasformata in una pista per lo slittino.

Per saperne di più:
www.rhb.ch

Condividi sui social: