Lunedì 22 Luglio 2024 - Anno XXII

Turisti nell’epoca di Internet

Come è cambiato il modo di viaggiare al tempo del 2.0? Un’indagine condotta da un gruppo di studenti dell’Università Iulm di Milano e di altri centri di formazione ha delineato un ritratto delle nuove tendenze di viaggio

Il Tour operator, misconosciuto o sconosciuto?

Turisti nell'epoca di Internet

Che il tour operator tradizionale sia in crisi lo dimostrano i numeri che segnano una caduta verticale ed è un fatto noto. La domanda, allora, è: perché? Oltre al fattore prezzo, sempre più importante in momenti di contrazione dei consumi, la risposta è, forse, in quell’11% degli intervistati che ha dichiarato esplicitamente che non si serve dei tour operator perché ritiene che la propria organizzazione personale sia migliore dei viaggi organizzati. E non vale, come si potrebbe pensare, la distinzione in fasce d’età tra i più giovani e smaliziati, in grado di districarsi su Internet e di realizzare così un “turismo fai da te”, perché se da una parte questo è valido per il 10,3% degli Under 25%, il dato è praticamente simile (10%) per gli over 55. Se poi sommiamo anche le opinioni di coloro che reputano inutili, incapaci di creare esperienza oppure non originali i servizi dei tour operator saliamo a un dato medio del 17%, quasi equamente suddiviso per fasce d’età (16,5%/17,2%). Drammatico il dato sulla notorietà dei nomi. Una domanda richiedeva agli intervistati di indicare i nomi di tre t.o., ebbene meno della metà (48,9%) sono stati in grado di dare i tre nomi e l’11% non è riuscito a ricordarne nemmeno uno. In totale sono stati citati 872 nomi di tour operator, mediamente poco più di due a testa. Significativo il fatto che i nomi emersi siano quelli di coloro i quali hanno maggiormente investito in pubblicità al consumer. Evidentemente l’”Ahi ahi ahi! No Alpitour” ha fatto effetto visto che il brand è stato ricordato dal 15,7% degli intervistati e perfino un t.o. come “Il Ventaglio” che non è più operativo sul mercato da tre anni ma che fu ai suoi tempi molto aggressivo pubblicitariamente, ha ottenuto l’1,8% di risposte, più di tanti altri tour operator anche di nome. Inoltre si è rilevata una confusione tra gli operatori veri e propri e altri soggetti, come compagnie aeree o portali di prenotazione alberghiera eccetera che operano nel turismo ma si occupano di altro.

LEGGI ANCHE  Volare facile
Turisti nell'epoca di Internet

Le ricerche di mercato, si sa, seguono metodi scientifici estremamente sofisticati e complicati e i loro risultati sono generalmente molto accurati e precisi e fotografano perfettamente la situazione di un determinato segmento. Talvolta, però, anche studi meno significativi statisticamente sono utili a fare capire come siano le tendenze. È il caso di un’indagine condotta da un gruppo di studenti dell’Università Iulm di Milano e di altri centri di formazione coordinati dai professori Giorgio Castoldi e Roberto Lavarini, in collaborazione con Cartorange, un’azienda italiana di consulenti di viaggio, realizzata durante la BIT, la Borsa del Turismo che si è svolta lo scorso febbraio. La ricerca ha coinvolto 440 persone scelte casualmente tra i visitatori della fiera e tra altri individui delle più diverse età e categorie. Il gruppo più numeroso degli intervistati (36%) ha un’età compresa fra i 36 e i 55 anni e vive per lo più (64%) in centri piccoli anche se gravita in larga misura su Milano per lavoro o studio. Prevalgono (39%) i lavoratori dipendenti e si tratta di individui che per quasi due terzi (62%) leggono regolarmente una rivista o un giornale. Proprio per la sua casualità il campione non è significativo statisticamente ma fa emergere alcuni dati interessanti per il settore. Soprattutto per quanto riguarda l’immagine degli operatori professionali presso il consumatore.

Agente di viaggio e consulente

Turisti nell'epoca di Internet

Se i t.o. piangono, gli agenti di viaggio non ridono. Nel 2012 il 54% degli intervistati non ha mai messo piede in un’agenzia di viaggio. Specialmente i giovani (62%). La motivazione che fa ritenere interessante il servizio delle agenzie di viaggio è (come per i tour operator) legata alla tranquillità, comodità, affidabilità, sicurezza del servizio, soprattutto per i più anziani. Questi fattori contano per il 62% delle risposte mentre la capacità professionale conta solo per il 16%. Tuttavia, al di là del fattore prezzo, per molti l’agenzia di viaggio non è in grado di soddisfare le esigenze del cliente sotto diverse motivazioni, tra le altre: la scarsa affidabilità (10%), la modestia dell’offerta rispetto a internet (3,6%), l’incapacità di capire le esigenze del cliente (4,2%) o la mancanza di professionalità e di preparazione (3,8%). Anche le associazioni di agenzie di viaggio non sembrano essere percepite come un valore e la maggior parte degli intervistati (42%) non ne conosce nemmeno una. Da qualche tempo esistono organizzazioni che si avvalgono di consulenti e promotori per vendere viaggi, siano essi da catalogo o organizzati su misura ma solo il 29% sostiene di conoscerne l’attività, il 33,6% ne ha sentito parlare ma non sa bene cosa facciano e il 37,4% ignora totalmente la loro esistenza. In conclusione la ricerca ha evidenziato una certta mancanza di comunicazione precisa e puntuale del mondo del turismo verso il pubblico e anche della potenzialità di nuovi strumenti di vendita.

LEGGI ANCHE  Italia da scoprire insieme al Touring Club

(26/04/2013)

Condividi sui social: