Sabato 20 Aprile 2024 - Anno XXII

Bagno di scintille nella sfilata delle fracchie

San-Marco-in-Lamis-sfilata-delle-Fracchie

Feste e tradizioni in attesa della Pasqua. In Puglia una di queste è la sfilata delle fracchie a San Marco in Lamis il Venerdì Santo. Fiaccole votive enormi trascinate per illuminare il cammino della Madonna alla ricerca del Figlio. Una tradizione che risale alla metà del ‘700.

Chiesa madre San Marco in Lamis
Chiesa madre San Marco in Lamis (ph. © 2023 emilio dati – mondointasca.it)

La cittadina di San Marco in Lamis, in provincia di Foggia, il Venerdì Santo stravolge la su abituale quiete. La causa è il fermento che pervade tutta la cittadinanza che si appresta, dopo giorni di preparativi, a partecipare alla tradizionale sfilata delle fracchie. Il suo nome fa riferimento alla farchia, la fiaccola portata dai pellegrini abruzzesi lungo il percorso della via Santa Longobardorum. La via che, attraversando San Marco, li avrebbe condotti al Santuario di S. Michele di Monte Sant’Angelo.
Dalla metà del ‘700, epoca in cui sembra risalire la loro nascita, queste torce trainate a braccia, secondo la tradizione servono ad illuminare il cammino della Madonna Addolorata alla ricerca del Figlio.

Fracchie: coni di fuoco dalle enormi dimensioni

Fracchie pronte in processione
Fracchie pronte in processione (ph. © 2023 emilio dati – mondointasca.it)

Col passare dei secoli queste fiaccole votive hanno assunto dimensioni sempre più mastodontiche con i loro cinque-sei metri di lunghezza e un peso di trenta-quaranta quintali. La loro struttura è costituita da ferle. Strisce ricavate dal taglio longitudinale di tronchi di noce o di castagno, tenute insieme da cerchi di ferro. Il diametro dei cerchi via via decrescente formano un lungo cono. Al suo interno il cono sarà riempito da spezzoni di legna essiccata predisposti con grande cura nella capace bocca mangiafuoco.

L’ultima fase della preparazione prevede il fissaggio dell’intera costruzione su un telaio con ruote, il montaggio dei cavi che serviranno per governarla, il suo abbellimento con bandierine colorate e la sistemazione, all’apice del cono, di un alto palo con l’immagine dell’Addolorata.

Fracchie realizzate da adulti e ragazzi

Partenza della sfilata all'imbrunire
Partenza della sfilata all’imbrunire (ph. © 2023 emilio dati – mondointasca.it)

Già dal mattino lungo la stretta via Rosselli si allineano le piccole fracchie realizzate dai giovanissimi con l’aiuto dei genitori, mentre quelle più grandi sono allineate nella parallela via della Repubblica. Anche se il numero può cambiare di anno in anno, solitamente saranno presenti, tra piccole e grandi, non meno di trenta strutture devozionali.

LEGGI ANCHE  Pamplona, correre con “los toros”

In particolare, per la realizzazione di quelle più imponenti è consuetudine che più famiglie si associno. Da una parte per sostenere i costi dell’allestimento e, dall’altra, garantire un numero sufficiente di persone idonee al trasporto. Quest’ultima operazione, infatti, richiede particolare esperienza utile a coordinare i movimenti ed evitare che il fiammeggiante falò investa gli spettatori.

Processione delle lunghe lingue di fuoco

Giavani trascinano il carro delle fracchie che bruciano
Giavani trascinano il carro delle fracchie che bruciano (ph. © 2023 emilio dati – mondointasca.it)

L’animazione cresce sempre più, soprattutto tra i più piccoli, man mano che si avvicina l’ora della partenza stimata intorno alle 20.00, al calare della luce. I primi a dar fuoco alle piccole fracchie e ad aprire la sfilata sono appunto i bambini ansiosi di dare dimostrazione della loro abilità e fieri di indossare la divisa del “fracchista”: gilet scuro su camicia bianca, foulard rosso e una fascia anch’essa rossa che cinge la fronte.

Man mano che le fracchie si accodano una all’altra, una lunga lingua di fuoco inizia ad illuminare la notte mentre sono circondate da curiosi ed impavidi spettatori. In ogni singola struttura, il gruppo di testa tira con forza le corde per trainare il pesante fardello mentre in coda si manovrano le funi per determinarne la direzione. Il gigantesco falò strisciante si ferma solo quando un robusto manovratore si siede a volo sulla coda già appesantita con sacchi di sabbia.

La fine della cerimonia in piazza Oberdan

Sfilata delle fracchie Venerdì Santo
Sfilata delle fracchie Venerdì Santo (ph. © 2023 emilio dati – mondointasca.it)

L’ampia via Europa, contornata da due ali di folla sempre più numerosa, diventa il punto migliore per ammirare da vicino le fiamme che, ravvivate nelle brevi corse o riattizzate pericolosamente con lunghi bastoni e con bagni di petrolio, lasciano alle loro spalle una nuvola di fumo e scintille che colorano l’oscurità. Sull’asfalto resta il segno del loro passaggio testimoniato da un lungo serpentone di tizzoni ardenti che al più presto verranno spenti e spazzati via per far transitare la statua della Madonna che terminerà la ricerca del Figlio in piazza Oberdan contornata dalle fracchie che, come partecipazione al dolore materno, vengono anch’esse spente.

LEGGI ANCHE  Assicurazione viaggio, Ryanair ancora sotto i riflettori

Info: www.comune.sanmarcoinlamis.fg.it

GALLERIA FOTOGRAFICA FESTA DELLE FRACCHIE

Leggi anche:

VACANZE SENZA PASSAPORTO DAI CARAIBI AI CONFINI DELL’EUROPA

Baia Di Samaná Santuario Dei Mammiferi Marini

AL SOLE DELLE CANARIE NELLE PISCINE NATURALI

Condividi sui social: