Martedì 23 Luglio 2024 - Anno XXII

La Casetta del Papa Pio X diventa un Museo

Campanile della chiesa parrocchiale di Riese Pio X.

Le reliquie di Pio X tornano a Riese il 21 settembre nel nuovo Museo. Inaugurazione alla presenza del vescovo di Treviso. Il Museo diventa anche virtuale. Dal 6 al 15 ottobre Peregrinatio corporis di Papa Sarto a Treviso e Riese Pio X.

Lapide sulla casa natale di Papa Pio X
Lapide sulla casa natale di Papa Pio X

Oggi 21 settembre a Riese, in provincia di Treviso, dopo nove mesi di lavori e 350mila euro investiti per il restauro, apre la Casa Museo di Papa Pio X. Due spazi diversi uniti in un percorso espositivo unico che sarà anche digitale. Il momento solenne dell’inaugurazione con il taglio del nastro sarà alle 17.30 con successiva Santa Messa presieduta dal Vescovo Michele Tomasi alle 18.30 nella chiesa parrocchiale. Il 21 settembre che coincide con la festa del santo patrono Matteo, la Casetta del Papa, come la chiamano affettuosamente i riesini, prende nuova vita.

Riese 20 gennaio 1935, posa della prima pietra museo Pio X
Riese 20 gennaio 1935, posa della prima pietra del museo dedicato a Pio X (crediti: Archivio fotografico Seminario Vescovile di Treviso)

Un percorso iniziato anni fa. “È stato perciò deciso di recuperare tutti gli elementi architettonici, costruttivi e decorativi presenti nell’edificio”, spiega Matteo Guidolin, presidente della fondazione Giuseppe Sarto e sindaco di Riese Pio X. Il progetto è stato realizzato dallo Studio Scattola e approvato dalla Soprintendenza di Venezia. Uno spazio, quello della Casetta del Papa, che in futuro ospiterà anche l’Archivio di Papa Pio X e spazi per esposizioni temporanee e permanenti. Questo, adesso, è il vero punto di accoglienza per i pellegrini, che dopo essersi immersi nella storia contadina veneta ed essersi emozionati di fronte agli ex voto che decorano la casa di Pio X, possono recarsi verso il nuovo museo, completamente rivisitato.

Museo digitale

Casa Natale di Giuseppe Sarti a Riese
Casa Natale di Giuseppe Sarto a Riese Pio X (crediti: Archivio fotografico Seminario Vescovile di Treviso)

Il restauro è stato oggetto di un intervento di digital storytelling con l’obiettivo di rendere accessibile e fruibile in modo virtuale la visita del museo. “Particolare attenzione è stata posta alla resa fotorealistica e all’inserimento di contenuti arricchiti di approfondimenti testuali e multimediali”, spiega Andrea Pilotto, ceo di Wow Solution. “Attraverso la direzione artistica virtuale e la costruzione di contenuti immersivi sarà possibile sfruttare questo strumento in ottica di promozione e presentazione, mostrando le attività di restauro anche a chi non ha ancora visitato il Museo Pio X”. Il percorso museale è supportato da pannelli introduttivi per il contenuto e da didascalie che rendono il museo “parlante”. 

LEGGI ANCHE  Treviso, nuova vita al museo Bailo

 

Peregrinatio corporis di Papa Pio X

Pio X nel giorno della sua incoronazione il 9 agosto 1903
Pio X nel giorno della sua incoronazione il 9 agosto 1903 (crediti: Archivio fotografico Seminario Vescovile di Treviso)

Vivi il pellegrinaggio nel 120esimo Anniversario dell’elezione a papa di Giuseppe Sarto, salito al soglio pontificio col nome di Pio X. Per l’occasione la Fondazione Giuseppe Sarto, la Diocesi di Treviso, la Parrocchia di San Matteo in Riese Pio X e il Comune di Riese intendono onorare la figura di pontefice e santo attraverso un ricco programma di eventi e di progettualità. Infatti dal 6 al 15 ottobre 2023 si svolgerà la Peregrinatio corporis di Papa Sarto a Treviso e Riese Pio X.

Un modo per rileggere e sottolineare la modernità, la contemporaneità e la complessità di questa grande figura ecclesiastica e storica. Uno dei più grandi riformatori nella storia della Chiesa cattolica. Per l’evento sono attesi migliaia di pellegrini da tutto il mondo. Per informazioni sugli eventi e sulle prenotazioni consultare il sito www.papapiox.it. In programma anche un calendario di eventi, incontri, convegni, mostre, concerti che arrivano a dicembre.

Leggi anche: 

UMBRIA: BORGHI MEDIEVALI E CITTÀ D’ARTE PER IL PRIMO “AMERINO TIPICO”

IL MEDIOEVO TORNA NEL CASTELLO SCALIGERO DI VALEGGIO SUL MINCIO

IN BASILICATA NELLA FORESTA COI BRIGANTI

Condividi sui social: