Domenica 3 Luglio 2022 - Anno XX
Gli Indiani Massachuset

Gli Indiani Massachuset

L’arrivo a Plymouth nel 1620 della nave Mayflower con il suo carico di pellegrini inglesi, ha mutato per sempre la vita e le abitudini, vecchie di secoli, dei nativi americani. Degli indiani Massachuset ce ne parla un “Grande Capo” moderno degli Indiani d’America

Gli Indiani Massachuset erano gli abitanti originali della Boston attuale, un’area compresa grosso modo tra i fiumi Charles e Neoposit. All’epoca dei primi contatti con gli Europei, erano circa 3.000 gli indiani di questa tribù che popolavano la zona; la loro presenza, tuttavia, diminuì rapidamente sino a scomparire del tutto agli inizi del XIX secolo. Il nome Massachusets è Algonchino e significa “ai piedi delle colline”. All’inizio del XVII secolo la tribù viveva in una ventina di villaggi e parlava un dialetto della lingua Algonchina. L’organizzazione sociale si basava su sei sub-divisioni, che prendevano il nome dai rispettivi capi tribù.

I Massachusets, come quasi tutte le popolazioni della costa orientale, lavoravano la terra.; coltivavano granturco, fagioli e zucche. Durante l’inverno, per sopravvivere, si dedicavano alla caccia mentre la pesca e la raccolta di crostacei erano praticate durante l’intero anno solare. Le case d’abitazione erano lunghe e costruite in legno; con la brutta stagione venivano ricoperte di vegetazione per meglio proteggerle dal freddo. A seguito dei primi contatti con gli europei, attorno agli anni 1614/1617, il 75% degli indiani Massachusets venne decimato da tre differenti malattie epidemiche tipiche dei bianchi; inoltre, a complicarne non poco la vita, si registrò l’attacco di altre tribù che vivevano prossime all’area da loro occupata. Quando nel 1633 il Puritano John Eliot diede inizio alla sua azione di conversione dei locali, questi erano rimasti in tutto circa 500, ben presto uniti ai nuovi conversi nei cosiddetti “Praying Villages” (villaggi di preghiera). Con l’avvento e il dominio dei Puritani, ben presto la ricca cultura Algonchina finì per dileguarsi. I Villaggi di Preghiera incorporarono nuovi Cristiani anche da altre tribù e nel 1640 gli indiani Massachsets cessarono in via definitiva d’esistere come popolo indipendente.

Non che la vita dei Villaggi fosse comoda; anzi, era abbastanza precaria anche per l’attacco di altri gruppi, negli anni attorno al 1660, quali i Mohawks. Verso la fine del 1600 e nel secolo successivo, la sorte degli indiani della zona di Boston venne dunque determinata da differenti concause: dominio dei Puritani, guerre contro gli inglesi, progressiva emarginazione e forzato accantonamento nelle riserve. Per l’insieme dei motivi descritti erano davvero pochi i discendenti dei Praying Indians, quasi tutti situati attorno al piccolo centro di Canton, Massachusets. Impossibile tuttavia stabilire chi, tra questi sopravvissuti, fosse un autentico indiano Massachusets. Curiosamente, il più famoso fra gli indiani Massachusets è stato un certo Crispus Attucks, un sangue misto negro/indiano, passato alla storia per essere stata la prima vittima americana della guerra di liberazione dagli inglesi.

* Grande Capo Flying Eagle (Aquila Volante), della tribù dei Wampanoags

© RIPRODUZIONE RISERVATA