Lunedì 20 Maggio 2024 - Anno XXII

Quattro mostre per Bruegel il vecchio

Da Bruxelles al Pajottenland è partito un programma di iniziative, rassegne, manifestazioni in costume, per ricordare l’artista e la sua epoca

Quattro mostre per Bruegel il vecchio

Pieter Bruegel “il vecchio”,  uno degli artisti che più caratterizzano l’arte fiamminga del Cinquecento, torna protagonista di una serie di esposizioni e iniziative a Bruxelles e in diverse località del Belgio.
Il programma di Bruegel 2006 è cominciato nel maggio scorso e proseguirà per tutta l’estate.
La prima esposizione annunciata è “Bruegel immaginario”, alla biblioteca reale di Bruxelles: in mostra sono presentati tutti i dipinti del maestro, ma in riproduzioni a grandezza naturale. La singolare idea serve a riunire virtualmente l’intera opera di Bruegel e a offrire un quadro quasi didascalico dei suoi lavori: gli straordinari affreschi di matrimoni e banchetti, gli scenari a volte fantastici, quasi surreali, che ricordano un altro grande artista nordico Hieronymus Bosch, le rappresentazioni dei proverbi e della vita quotidana; le scene di genere, cariche al tempo stesso di dettagli realistici, allegorie e simboli. 

Quattro mostre per Bruegel il vecchio

A entrare nel mondo dell’artista aiutano altre due mostre: al castello di Gaasbeek, a pochi chilometri da Bruxelles, la rassegna “Bruegel e la sua epoca”. Al giardino botanico di Meise si tiene invece “Bruegel rivisitato”: una rosa di artisti fiamminghi contemporanei reinterpreta l’opera del maestro attraverso grafiche, fotografie, video, installazioni.
A Tervuren, al Gemeentelijk Museum Hof van Melijn, una quarta esposizione è dedicata agli artisti che, soprattutto nel periodo tra il Cinquecento e il Seicento, sono stati influenzati dallo stile di Bruegel il vecchio. Nello stesso cortile del museo è stato organizzato anche il ciclo di incontri “Bruegel rievocato”: una appresentazione in costume di alcune delle attività più frequenti all’epoca del pittore. La prossima giornata in calendario è il 2 luglio.
Ancora, nel Pajottenland, a sud ovest di Bruxelles, un museo all’aperto propone dodici riproduzioni in grande formato delle opere di Bruegel, dando l’occasione di osservare i dipinti e al tempo stesso di confrontarli con il paesaggio della regione. Visite guidate, giornate tematiche e iniziative per scuole e turisti completano il programma di Bruegel 2006. Mostre ed eventi saranno aperti al pubblico sino al prossimo 3 settembre.

LEGGI ANCHE  Da cinque secoli Basilea festeggia l'autunno

Per informazioni: http://www.bruegel06.be/

Condividi sui social: