Sabato 20 Aprile 2024 - Anno XXII

Curiosare nel cantiere

Con caschetto di protezione e guida sui ponteggi. Così, a Tournai, i meticolosi lavori di restauro di una cattedrale diventamo un’attrazione turistica

Tournai, la Cattedrale di Notre Dame (Foto: © OPT-JP Remy)
Tournai, la Cattedrale di Notre Dame (Foto: © OPT-JP Remy)

La Cattedrale di Notre-Dame a Tournai in Belgio è l’unica in Europa ad avere ben cinque campanili. Questo capolavoro architettonico fu danneggiato da una tempesta nel 1999 che ne indebolì le strutture.

Da allora è in continuo restauro, i ponteggi hanno preso il posto degli arredi sacri, il tetto è stato coperto da teloni che proteggono l’edificio dalle intemperie e l’accesso del pubblico è stato parzialmente interdetto.

I lavori di consolidamento e restauro proseguono alacremente ma perlomeno fino al 2015 non saranno terminati. Nel frattempo si è pensato di rendere vivo il cantiere organizzando visite guidate. Indossati caschi di protezione e accompagnati da una guida si sale sui ponteggi fino a 40 metri d’altezza da dove si gode un panorama splendido sulla città ma, soprattutto si può osservare l’attività dei tecnici e degli operai ricevendo nel contempo la spiegazione di quello che stanno facendo.

La città vista dall’alto

Tournai, il Beffroi (Foto: ©OPT-JP Remy)
Tournai, il Beffroi (Foto: ©OPT-JP Remy)

Il percorso guidato prosegue poi all’interno della chiesa alla scoperta di alcuni tesori che prima non erano visibili al pubblico come le vestigia romane sotto la Cattedrale e il Coro gotico. Per visitare il cantiere, la prenotazione è obbligatoria e va fatta all’Ufficio del Turismo (tel: +32 (0)69 22.20.45). Il prezzo è di 8 euro o di 5,50 se si esclude l’accesso ai tetti. E’ possibile anche acquistare un biglietto combinato con la visita al Beffroi (la torre campanaria più antica del Belgio e Patrimonio dell’Unesco inseime alla Cattedrale), lo spettacolo audiovisivo “Le couloir du temps” e il Tesoro della Cattedrale. (3/11/09)

 

Per saperne di più

www.tournaicoeurcathedral.eu

LEGGI ANCHE  Quando la città diventa fantasma
Condividi sui social: