Sabato 24 Febbraio 2024 - Anno XXII

Archeologi per un giorno

Un grande museo interattivo all’aperto nel quale riscoprire, attraverso ricostruzioni di insediamenti preistorici realizzate su base scientifica, la vita delle genti padane e alpine nell’arco di quindicimila anni: dal Paleolitico all’età dei metalli

Gli “scrittori” dell’antichità

Archeologi per un giorno

Una volta avvicinato nell’Archeopark l’uomo preistorico e la sua cultura materiale e comprese le motivazioni che l’hanno spinto a incidere sulla roccia – scoprendo che la cultura figurativa preistorica e protostorica non è una manifestazione occasionale ma l’espressione di una concezione complessa, intrisa di religiosità e magia, del mondo e delle forze che lo governano – apprendendo a leggere e interpretare le testimonianze del passato e ad analizzarne le differenti tecniche di incisione (picchiettate eseguite con ciottoli di fiume o graffite realizzate con strumenti appuntiti in pietra) si visita il Parco delle incisioni rupestri di Luine-Boario Terme dove sono state trovate alcune delle più antiche raffigurazioni della valle.

“Fare”, per imparare e capire

Il teatro romano
Il teatro romano

Anche se i laboratori variano a seconda dell’età – i più grandi possono cimentarsi per esempio nella progettazione e costruzione di una struttura abitativa o nella simulazione di uno scavo archeologico – molti laboratori sono adatti a tutti e il confine tra le età non è rigido visto che il presupposto che sta alla base dell’Archeopark è che “fare per imparare” vale a tutte le età. Per tutti è divertente attraversare il lago sulla zattera, andare in piroga tra le palafitte, macinare il grano ottenendo piccole pagnotte che vengono cotte nel grande forno a legna e poi assaggiate; plasmare l’argilla ricavandone oggetti in terracotta da riportare a casa, dedicarsi alla fusione dei metalli realizzando uno stilizzato ciondolo, tirare con l’arco, sperimentare la battitura di una lamina di rame per ricavarne una ciotola, utilizzare il trapano a volano e la taglierina, accendere il fuoco.

Nel corso della visita si possono svolgere svariate attività (da prenotare); la giornata vola via tanto da dover trascinare all’automobile i bambini che non vorrebbero più ripartire e alla fine acconsentono, consolandosi con il bottino di piccoli oggetti realizzati con le proprie mani da portare trionfalmente a casa. (26/03/10)

LEGGI ANCHE  Maya. Il linguaggio della bellezza

Notizie utili

Darfo Boario Terme, loc. Gattaro, telefono-fax 0364-529552, www.archeopark.net, info@archeopark.net

Le attività didattiche (da prenotare sul sito o consultando telefonicamente l’Archeopark per concordarle) vengono svolte in gruppi guidati da animatori specificamente preparati. Sono proposti anche programmi che includono l’esplorazione guidata dalle incisioni rupestri del Parco di Luine a Boario Terme, e altre del territorio, oltre a soggiorni di uno o più giorni con pernottamenti nel parco. Nell’Archeopark sono presenti diverse aree picnic, un ristorante e un bar.

Condividi sui social: