Martedì 18 Giugno 2024 - Anno XXII

Castelli sul green in Bassa Slesia

Un itinerario per metà culturale e per metà golfistico, tra la seducente città di Breslavia (Wroclaw) e la catena dei monti Sudeti, verso il confine meridionale della Polonia con la Repubblica Ceca

Il centro storico di Breslavia
Il centro storico di Breslavia

L’icona più rappresentativa di Breslavia, capoluogo della Bassa Slesia, è l’antico municipio gotico situato al centro dell’antica piazza del Mercato, caratterizzato da un interessante orologio astronomico e da splendide sculture e bassorilievi. La Piazza del Mercato, pulsante di vita e di animazione a tutte le ore del giorno e della notte è l’autentico cuore di Breslavia. La sua superficie (oltre 3,5 ettari) la rende uno dei più grandi progetti urbanistici di questo tipo esistenti in Europa, al centro del quale si trovano il Fondaco dei Tessuti e il Municipio. Al centro del più grande complesso barocco della città, costituito dall’antico Collegio e dalla Chiesa dei Gesuiti, si trova l’Università che, nel 2002, ha festeggiato il suo 300° anniversario. La parte più antica di Wroclaw, Breslavia in polacco, è Ostrów Tumski. Circondata dalle acque dell’Oder è costituita da un piccolo borgo sorto intorno al castello con la cattedrale gotica di San Giovanni Battista, ricostruita dalle macerie della guerra, e la Chiesa di Santa Croce, rimasta invece fortunatamente quasi intatta.

Un drive al centro dell’Europa

Toya Golf & Country Club Wroclaw
Toya Golf & Country Club Wroclaw

Se tracciamo un grande quadrato che racchiude l’Europa, al centro troviamo la Bassa Slesia, la regione più meridionale della Polonia, con due percorsi golfistici, rispettivamente a nord e sud ovest di Breslavia. A poca distanza dal piccolo aeroporto di Szimanow il Toya Golf & Country Club Wroclaw è uno splendido percorso, adagiato su un terreno, un tempo adibito a zona militare, con alcune tracce dell’antico utilizzo (le torrette di guardia) che sono state conservate e che caratterizzano alcuni scorci del campo. Le delicate ondulazioni del tracciato e la scarsa alberatura delle prime nove buche lo rendono simile a un link scozzese, alternativo a una seconda parte ricca invece di alberi e specchi d’acqua. Si tratta di un bel percorso (mt. 6.311, par 72) con alcune buche veramente interessanti, che viene però reso molto ostico quando si alza il vento che proveniente dai Sudeti.

LEGGI ANCHE  Maratoneti di pace

A sud ovest di Breslavia, poco lontano dall’autostrada che conduce a Berlino, troviamo il secondo campo della Bassa Slesia: il Knight’s Golf Club di Katy Wroclawskie. E’ caratterizzato da una possente alberatura e da un tracciato un po’ anomalo che peraltro non penalizza il gioco che resta piacevole e vario (mt. 5.285, par 70), grazie ai boschi, alle radure e ai molti corsi d’acqua.

Castelli, torri, palazzi e residenze nobili

Il castello di Ksiaz
Il castello di Ksiaz

Accanto al percorso del Knight’s Golf, sorge uno degli stupendi castelli della Bassa Slesia: il Palac Krobielowice, costruito tra il sedicesimo ed il diciassettesimo secolo. Si tratta di una delle tappe di un itinerario dei castelli della Bassa Slesia che parte da quello di Kliczkow, situato a circa 120 chilometri da Dresda in Germania, e arriva a quelli di Prezyce e di Wojnowice, entrambi situati alle porte di Wroclaw.

Segnaliamo, tra i più interessanti e significativi, il castello di Czocha, risalente alla seconda metà del XIII secolo, famoso per la lunga trave il legno di 16 metri che regge la copertura della sala delle armi. Nei pressi di Jelena Gora, ecco invece la torre medioevale di Siedlecin, che ospita alcuni pregevoli affreschi del XIV secolo che narrano la storia di Lancillotto.

Il castello di Karpniki, situato a 6 chilometri da Wojanow, nato come fortezza medioevale con torri di avvistamento e fossato, fu successivamente trasformato alla fine del ‘500, in un castello di tipo rinascimentale dal fratello di Federico Guglielmo III. Frequentato dalle teste coronate di tutta Europa fino al 1945, ha ospitato la famosa culla d’oro, portata qui dalla zarina Alessandra di Russia.

Completano l’itinerario, i castelli di Bolkow, di Ksiaz, di Wielka Lipa, il Palazzo di Kraskow e il Palac Krobielowice. Lungo l’itinerario, davvero imperdibile una visita alla Chiesa della Pace di Swidnica, interamente costruita in legno nel 1657, e in grado di accogliere oltre 7.500 persone (Info: Ufficio Turistico Polacco – tel. 06/4827060 – www.polonia.travel/it).

LEGGI ANCHE  Il Santuario di Oropa e le piccole magie delle erbe di montagna

(27/05/2011)

Condividi sui social: