Sabato 24 Febbraio 2024 - Anno XXII

Io, Mosca e la Vittoria

Un giorno di maggio particolare in tutta la Russia quello in cui si celebra la vittoria nella II Guerra Mondiale. Abbiamo vissuto una giornata da moscovita in un tripudio di folla e di bandiere

Soldati in attesa di sfilare davanti al Cremlino e San Basilio
Soldati in attesa di sfilare davanti al Cremlino e San Basilio

 

Ancora un mese e il 9 maggio si rinnoverà a Mosca la tradizione della celeberrima parata militare. Un’esperienza molto interessante da vedere perché profondamente legato all’anima russa. Il 9° giorno del 5° mese dell’anno 1945 la Germania si arrese e la II Guerra Mondiale terminò. Almeno in Europa. Una guerra terribile che a quella che allora era l’Unione Sovietica costò una ventina di milioni di morti, cifra che non è mai stata confermata né smentita ma che non si discosta molto dalla realtà.

Grande festa di popolo

Un veterano sfoggia le sue innumerevoli medaglie
Un veterano sfoggia le sue innumerevoli medaglie

Ho scritto vedere ma avrei fatto meglio ad adoperare il verbo partecipare perché il “Dien Pobiedy”, il Giorno della Vittoria coinvolge completamente tutta la popolazione, dagli ormai onusti veterani ai più giovani. Figuratevi allora, per un popolo sensibile e attaccatissimo alla propria terra che significato possa avere la festa del 9 maggio. I veterani della Grande Guerra Patriotica (come viene chiamata qui la II Guerra Mondiale) esibiscono orgogliosi i loro petti carichi di medaglie e la gente indossa il nastrino arancio e nero dell’Ordine di San Giorgio (la storica decorazione militare russa) che viene distribuito gratuitamente per strada.

Dappertutto è un tripudio di bandiere, non solo le tricolori a bande orizzontali bianca, blu e rossa ma anche quella rossa con la falce e martello. Nei giorni precedenti la tradizionale parata militare sulla Piazza Rossa (Krasnaja Plosciad) negozi e manifesti esaltano la vittoria e il centro città si rifà il trucco per essere splendente. Il giorno che precede la grande parata c’è la celebrazione privata dei caduti. Una delegazione di veterani alcuni in alta uniforme, depone corone di fiori vicino al fuoco che ricorda il milite ignoto che si trova addossata alle mura del Cremlino, sulla Piazza del Maneggio (Maneshnaja Plosciad).

LEGGI ANCHE  Dalmacija sulle acque dello Jadranska More

La Russia mostra i muscoli

Una cadetta al Parco della Vittoria
Una cadetta al Parco della Vittoria

Splendido spettacolo anche per i turisti anche se, naturalmente c’è un rovescio della medaglia. Tutto il centro è invaso dai militari che si preparano alla sfilata. La piazza e il Cremlino sono praticamente inagibili e si devono fare lunghi giri, magari per attraversare una strada. Nel giorno della parata l’accesso alla piazza è riservato agli invitati. Per primi i veterani e le loro famiglie, poi gli immancabili politici e rappresentanti della società civile. Il grande pubblico si assiepa all’ingresso e all’uscita della piazza. La cerimonia inizia con il comandante della piazzaforte di Mosca che passa in rassegna le truppe in piedi su una macchina fino a incontrare il Ministro della Difesa che viene ancora salutato con l’appellativo Tavarisc’ “compagno”. A quel punto cominciano a sfilare tutti i reparti, migliaia di giovani reclute insieme a veterani della Cecenia, blindati, carri e i missili balistici. Uno schieramento che va interpretato. Maggiore è il numero e la tipologia di mezzi, maggiore è la dimostrazione di forza che deve pervenire all’estero.

Condividi sui social: