Venerdì 12 Aprile 2024 - Anno XXII

Sassonia 2024: viaggio in omaggio a Friedrich

Sassonia Dresda

L’anniversario della nascita di Caspar David Friedrich è l’occasione per scegliere un itinerario romantico in Sassonia. Dresda la “Firenze sull’Elba”. Turismo slow e cicloturismo sulla via ciclabile lungo il fiume Elba.

Sassonia Dresda
Ponte di Dresda (ph. ©SRose)

Dalla magnifica capitale Dresda, sempre antica e sempre nuova, verso il Parco Nazionale della Svizzera Sassone, sulle orme del pittore paesaggista romantico Caspar David Friedrich. È questo l’itinerario da sperimentare in Sassonia nel 2024. Si celebra infatti quest’anno il 250° anniversario della sua nascita.

Per più di 40 anni, Dresda è stata il centro della vita di Friedrich: fu qui che nacquero le principali opere che oggi sono considerate in tutto il mondo come le più importanti testimonianze del Romanticismo tedesco.

Le Collezioni d’arte statali di Dresda, con 14 dipinti e oltre 70 disegni, possiedono una delle più grandi collezioni delle sue opere. E durante quest’anno si svolgerà un’ampia mostra dedicata al pittore in due sedi, l’Albertinum e il Kupferstich-Kabinett nel Palazzo Reale.

Sassonia: prima tappa Dresda
Sassonia Dresda di sera
Dresda di sera (Ph. © Sylvio Dittrich)

Dresda dunque è la prima tappa del nostro itinerario. Quando si attraversa il ponte Augusto sull’Elba si ha un magnifico colpo d’occhio sul cuore della città: pinnacoli e cornicioni, riccioli di pietre, guglie, frontoni a volute e giochi in chiaroscuro, balaustre di statue e torrioni.

E poi le icone del centro storico: il Duomo, il Castello residenziale, la terrazza Bruhl, il lungo Corteo dei Principi in porcellana di Meissen, il famoso Zwinger con i capolavori di porcellana, di oreficeria e di pittura.

La “Firenze sull’Elba”
Sassonia Dresda Barocca
Dresda Barocca (ph. Tomy Heyduck)

Città regina del Barocco, Dresda è stata una delle capitali più affascinanti del Nord Europa, arricchita sfarzosamente dalla dinastia dei Wettin, i Principi Elettori della Sassonia, che governavano dal 1200. Anche se terribilmente bombardata nel 1945 dalle forze alleate e praticamente distrutta, oggi questa “Firenze sull’Elba” conserva un grande fascino, dopo la ricostruzione accurata degli anni successivi. 
Ricostruzione completata quasi miracolosamente con la Frauenkirche che, grazie a donazioni provenienti da tutto il mondo, è stata riaperta nel 2005. Inoltre il Palazzo Reale, il Residenzschloss ha visto ultimati proprio nel 2023 i lavori di ricostruzione e restauro e la storica piazza Neumarkt è stata ultimata con il complesso barocco del Palais Hoym.

LEGGI ANCHE  Cicloturismo: percorsi Gravel nelle valli Seriana e Scalve

Ecco perché Dresda è tra i 52 luoghi da visitare nel 2024 per il New York Times, unica città della Germania.

La Svizzera Sassone
Sassonia Caspar David Friedrich, Viandante sul mare di nebbia
Caspar David Friedrich, ‘Viandante sul mare di nebbia’

Da Dresda partiamo per proseguire il nostro itinerario sulle orme di Friedrich. Infatti al centro della sua ispirazione ci fu la cosiddetta Svizzera Sassone, a sud-est di Dresda. Qui, in questo mistico paesaggio roccioso, realizzò uno dei dipinti più famosi dell’epoca: Il viandante sopra il mare di nebbia. Un escursionista con redingote e bastone da passeggio in piedi su una roccia guarda un paesaggio di cime montuose dalle forme sinuose che emergono dalla nebbia mattutina. Fiabesca, misteriosa e viva, quest’opera è stata creata durante un’escursione al Kaiserkrone.

E quindi, seguendo le peregrinazioni di Friedrich sui sentieri escursionistici della Svizzera Sassone, possiamo andare alla scoperta di uno dei paesaggi naturali più spettacolari d’Europa.

svizzera sassone
Svizzera Sassone paesaggio

Nel Parco Nazionale della Svizzera Sassone si trova il Malerweg, il Sentiero dei Pittori Romantici, che attraversa le montagne di arenaria dell’Elba, presentandosi incredibilmente suggestivo per la presenza di gole profonde, di cime sinuose, forme bizzarre, iconiche formazioni rocciose.
Il cinguettio degli uccelli, il fruscio delle foglie e lo scricchiolio della foresta sotto ai piedi sono una tregua da voci, suonerie e dal rumore della strada.

La regione del silenzio
Ponte in pietra sul Bastei
Ponte in pietra sul Bastione (ph. S. Rose)

Dalle stazioni ferroviarie di Dresda i treni che portano verso la regione del silenzio e del turismo lento partono ogni 20 minuti e in poco tempo si giunge a destinazione. Questo paesaggio, rimasto intatto milioni di anni, è monumentale e perfetto per una vacanza in tutta tranquillità. Simbolo iconico del parco è il bastione roccioso con il famoso ponte in pietra Basteibrucke, che si può raggiungere solo a piedi lungo un sentiero ben segnalato.

LEGGI ANCHE  Viaggi alternativi: un nuovo modo di concepire il tempo libero
Sassonia Casper David Friedrich Wanderweg und Malerweg
Piattaforma da dove ammirare il fiume Elba

Una novità è la piattaforma panoramica a oscillazione libera che si apre sopra una profonda conca, mentre dall’altro lato il fiume Elba scorre 200 metri più in basso.

Proseguendo l’itinerario da visitare ci sono anche il palcoscenico naturale Felsenbühne Rathen, la montagna Lilienstein e l’imponente fortezza di Königstein.

La Sassonia dedica a Caspar David Friedrich, nell’anno del suo 250° anniversario, un ricco programma di mostre, passeggiate, escursioni, tour in bicicletta e corsi di pittura in mezzo alla natura, nei luoghi che sono stati per lui incomparabili fonti di ispirazione.

Nel sito web appositamente creato (https://visitsaxony.com/caspar-david-friedrich), sono elencati viaggi d’avventura, escursioni a piedi, corsi di pittura ed eventi.

Dove alloggiare in Sassonia
Sassonia Bad Schandau panorama (ph. Panek)
Bad Schandau panorama (ph. Panek)

Nel Parco Nazionale della Svizzera Sassone si può trascorrere un intero week end, per godere silenzio e lentezza. Sull’Elba ci sono begli alberghi ed eleganti appartamenti per le vacanze. Incantevole nel distretto di Bad Schandau e a soli 30 km da Dresda, c’è il Bio resort Schmilka, sulla riva destra dell‘Elba. Questo villaggio di piccole case a graticcio e pittoresche pensioni è stato concepito nel rispetto dei dettami ecologici.
Dall‘attenzione per i materiali, tutti naturali ed ecosostenibili, con cui sono costruiti gli edifici, fino alla cucina dei suoi ristoranti, interamente di produzione organica e biologica.
Ad esempio, la birreria Braumanufaktur Schmilka produce birre artigianali non filtrate e non pastorizzate, con materie prime di agricoltura biologica certificata, e assolutamente da provare sono i prodotti da forno del mulino storico e panificio Schmilka. 

Sassonia Fortezza di Königstein
Fortezza di Königstein (crediti Patrick Quietzsch Festung Koenigstein)

Per chi volesse pernottare a Schmilka: Villa Thusnelda è una soluzione che combina eleganza e agio in uno storico edificio; Hotel Zur Mühle affascina per gli interni rustici, completamente in legno, nel pieno rispetto della tradizione artigianale. Più adatto ai gruppi di giovani ciclisti o escursionisti, il Berghaus Rauschenstein è un accogliente e caldo ostello anni ‘30.

LEGGI ANCHE  Grado: Vacanze Slow all’Isola del Sole

Il borgo e il Castello di Königstein (un’antica fortezza risalente all’anno 1353), attrezzato per ospitare visitatori, è un angolo privilegiato della Sassonia, arroccato su un ripido sperone di roccia. Da qui si gode una vista meravigliosa sulla romantica valle Polenz e sulla città di Hohnstein.

Sassonia: turismo slow e bike tourism
Ciclabile Dresada Sassonia
Ciclabile a Dresda (ph. © Rainer Weisflog Weisflog)

La Via Ciclabile dell’Elba nel tratto sassone è particolarmente amata dai cicloturisti. Offre una bella varietà di paesaggi, ottimo manto stradale, grande offerta di bikehotels e servizi lungo tutta la rete. Ma soprattutto offre il piacere di scendere dalla sella e concedersi interessanti e sorprendenti visite culturali, artistiche ed enogastronomiche.

Particolarmente memorabile è l’arrivo in bicicletta a Dresda, quando nello skyline del centro storico spicca la cupola della Frauenkirche. Per godersi su due ruote la dolce vita della Valle dell’Elba, la varietà dei paesaggi e visitare i principali tesori custoditi in questo tratto di via ciclabile lungo 180 km, è consigliato pianificare almeno cinque tappe. Il percorso sarà così meno impegnativo e molto Ulteriori info: www.germany.travel   –   www.sassoniaturismo.it

Leggi anche: 

ARTE E GUSTO IN TOSCANA: PISA, CALCI E LARI

SILA COSENTINA: AVVENTURE E SCOPERTE

STORIE DI RINASCITA, LA NUOVA VITA DEI LUOGHI ABBANDONATI

Condividi sui social: