Giovedì 30 Maggio 2024 - Anno XXII

In Contemporanea: proposte della Fondazione Muve durante la Biennale d’Arte Venezia 2024

In contemporanea mostra Selva Foto Benoît Fougeirol)

Inaugurata a Venezia la 60ª Esposizione Internazionale d’Arte aperta da aprile a novembre. I Musei Civici Veneziani hanno realizzano “In Contemporanea” una serie di proposte espositive e incontri di artisti contemporanei.

Biennale Arte 2024 Venezia in contemporanea
Biennale Internazionale d’Arte 2024 Venezia

In occasione della 60ª Esposizione Internazionale d’Arte, ovvero “La Biennale 2024” aperta a Venezia da sabato 20 Aprile a domenica 24 Novembre, la Fondazione MUVE propone “In Contemporanea”. Si tratta di una nutrita serie di proposte espositive che esplorano artisti contemporanei e i loro linguaggi.

Sono in programma, fino a novembre 2024, mostre, incontri, suggestioni, contaminazioni, dialoghi tra autori contemporanei ed il ricco patrimonio delle collezioni degli undici Musei Civici Veneziani (MUVE).

In contemporanea: Casa Goldoni “Biribisso”
In contemporanea Biribisso Casa Goldoni Venezia
Eva Marisaldi “Biribisso” alla Casa Goldoni

Presso la Casa di Carlo Goldoni, è di scena l’artista Eva Marisaldi che espone una sua personale dal titolo “Biribisso”. È un termine curioso che evoca un gioco di società in voga nel secolo XVIII a Venezia. L’esposizione, che occupa le belle sale della dimora del celebre commediografo, è visitabile fino al 24 Novembre 2024.

L’artista rende omaggio al teatro di Goldoni con una grande installazione multisensoriale che si sviluppa in tutte le sale della casa. Vi sono creazioni sonore per ricordare i rumori che accompagnavano le rappresentazioni teatrali. Composizioni tessili ispirate alla pittura del Canaletto, della laguna veneziana, lavori plastici che indagano il tema della natura, quello del carnevale e opere video.

In contemporanea: Palazzo Fortuny “Selva”
In contemporanea Biennale d'Arte Venezia 2024 Selva
Eva Jospin “Selva” (Ph. Benoît Fougeirol)

Al Museo di Palazzo Fortuny, dal 10 Aprile al 24 Novembre 2024, espone Eva Jospin con la mostra intitolata “Selva”. L’artista riesce a stupire attraverso composizioni di grandi dimensioni e di forte impatto scenografico con l’impiego di cartoni, tessuti, fibre vegetali.

Il tutto è intriso da un’atmosfera quasi fiabesca, magica in cui proiettare la realtà di un mondo in profondo cambiamento. Nasce, quindi, la riflessione sulle tematiche ambientali ed ecologiche. Molte delle opere, create per l’occasione, sono in dialogo con la produzione artistica del Maestro Mariano Fortuny, a cui si deve il nome del Palazzo. La mostra è a cura di Chiara Squarcina e Pier Paolo Pancotto.

LEGGI ANCHE  Brodo profondo
In contemporanea: “Musei delle Lacrime”
Biennale d'arte Venezia 2024 In contemporanea Francesco Vezzoli Musei delle lacrime
Francesco Vezzoli “Musei delle lacrime”

Nella Sala della Quadreria al Museo Correr espone l’artista Francesco Vezzoli con la mostra “Musei delle Lacrime”, visitabile dal 17 Aprile al 24 Novembre. Le opere si ispirano a illustri artisti ma rivisitate in chiave moderna dove il leitmotiv sono le lacrime che scendono copiose dagli occhi dei soggetti raffigurati in dipinti famosi ad opera di Botticelli, ad esempio.

Vi sono opere storiche e altre di nuova creazione, realizzate per indagare le lacrime perdute nella storia dell’arte. La mostra è a cura di Donatien Grau.

In contemporanea: Ca’ Pesaro
In contemporanea Armando Testa installazioni Venezia Biennale d'Arte
Armanto Testa

Presso il palazzo di Ca’ Pesaro due artisti danno vita a due esposizioni alquanto singolari. Il primo è Armando Testa con le opere che ricordano il suo percorso artistico nell’universo pubblicitario, grafico e pittorico. Ricordiamo che nel 2022 sono state donate diciassette opere dell’artista da parte di Gemma De Angelis Testa. La mostra, visitabile dal 20 Aprile al 15 Settembre è curata da Elisabetta Barisoni, responsabile di Ca’ Pesaro, con il contributo di Gemma De Angelis Testa e da Tim Marlow, Direttore del Design Museum di Londra.

Biennale rte Venezia 2024  In contemporanea Lo stile di Chiara Dynis
Lo stile di Chiara Dynis

Il secondo artista è Chiara Dynis che espone nelle sale Dom Pérignon con la mostra dal titolo “Lo Stile di Chiara Dynis” aperta al pubblico dal 20 Aprile al 15 Settembre. L’artista esprime il suo pensiero sul concetto di stile. Afferma che «tutto diventa ‘stile’, se il linguaggio disparato con cui lo si esprime riesce a diventare forma».
Dynis, infatti, reinterpreta la realtà attraverso creazioni in cui la materia è trasformata, carica di luce e inserita in ambienti immersivi. La mostra è a cura di Chiara Squarcina, Alessandro Castiglioni, Elisabetta Barisoni.

LEGGI ANCHE  Un Cézanne per Milano
In contemporanea: Ca’ Rezzonico “Anime di Venezia”
In contemporanea Lorenzo Quinn Anime di Venezia Biennale d'arte 2024
Lorenzo Quinn “Anime di Venezia”

Altro interessante appuntamento è a Ca’ Rezzonico, Museo del Settecento Veneziano, con l’installazione “Anime di Venezia” dell’artista Lorenzo Quinn. La mostra è visitabile dal 19 Aprile al 15 Settembre 2024.

Vi sono quindici statue, realizzate in mesh, intreccio metallico che rappresentano alcuni tra i personaggi più famosi della Repubblica Serenissima.

Altre esposizioni “In contemporanea”

Federica Marangoni. ON THE ROAD 1970-2024. Non solo vetro Murano, Museo del Vetro, dal 19 maggio al 3 novembre.

Carla Tolomeo: Albero della vita Venezia, Museo di Palazzo Mocenigo dal 25 maggio al 24 novembre.

Artefici del nostro tempo 2024: Forte Marghera, Padiglione 29 giugno – 31 dicembre.

Fragile Stories: Burano, Museo del Merletto dal 14 giugno al 8 gennaio 2025.

Premio Mestre di Pittura: Mestre, Centro Culturale Candiani dal 14 settembre al 10 ottobre.

Loris Cecchini: Leaps, gaps and overlapping diagrams Venezia, Ca’ Rezzonico dal 29 settembre 2024 al 25 marzo 2025.

Matisse e la luce del Mediterraneo: Mestre, Centro Culturale Candiani dal 28 settembre 2024 al 4 marzo 2025.

Roberto Matta 1911 – 2002: Venezia, Ca’ Pesaro dal 25 ottobre 2024 al 23 marzo 2025

Giorgio Andreotta Calò: Ca’ Pesaro – Venezia dal 15 novembre 2024 al 4 marzo 2025.

Leggi anche: 

I MONDI DI MARCO POLO

SPAGNA: LA SETTIMANA SANTA DI ASTORGA

CAPODIMONTE E VENARIA DUE REGGE UNA MOSTRA: DA MASACCIO A ANDY WARHOL

Condividi sui social: