Lunedì 24 Giugno 2024 - Anno XXII

Guida alle Enoiteche (Vinothekenfürer)

La guida è suddivisa in tre sezioni. La prima presenta 79 “enoiteche” (la lettera “i”, precisa il curatore, è il risultato di una riflessione linguistica che ha attinto le proprie radici dal greco: da “oinoiché” (casa del vino); da “oinoicheios” (colui che ha familiarità col vino) a “enoiteca”. Queste 79 enoiteche, sono iscritte all’Associazione Internazionale, complete di immagini, mappa e dati tecnici dell’ambiente. Ciascuna enoiteca è descritta attraverso le figure degli osti, la storia e l’atmosfera del locale, i vini in cantina e gli accompagnamento gastronomici. La seconda edizione annovera i dati di 72 enoteche “compagne di viaggio”: non sono … Leggi tutto

Guida alle Enoiteche (Vinothekenfürer) curatore: Mauro Lorenzon – BaccoArianna Editore, 2005, Euro 19,00
Guida alle Enoiteche (Vinothekenfürer) curatore: Mauro Lorenzon – BaccoArianna Editore, 2005, Euro 19,00

La guida è suddivisa in tre sezioni. La prima presenta 79 “enoiteche” (la lettera “i”, precisa il curatore, è il risultato di una riflessione linguistica che ha attinto le proprie radici dal greco: da “oinoiché” (casa del vino); da “oinoicheios” (colui che ha familiarità col vino) a “enoiteca”.
Queste 79 enoiteche, sono iscritte all’Associazione Internazionale, complete di immagini, mappa e dati tecnici dell’ambiente.
Ciascuna enoiteca è descritta attraverso le figure degli osti, la storia e l’atmosfera del locale, i vini in cantina e gli accompagnamento gastronomici. La seconda edizione annovera i dati di 72 enoteche “compagne di viaggio”: non sono iscritte all’Associazione Internazionale ma si distinguono ugualmente nella mescita di vino e nella vendita per asporto.
La terza e ultima parte è dedicata ai produttori segnalati dagli Associati e alle loro etichette.
Per agevolare la consultazione, le etichette seguono l’ordine alfabetico dei rispettivi produttori, la successione di enoiteche ed enoteche, invece, quello delle località in cui si trovano, ordinate in sequenza geografica e regionale.
Per accentuare la voglia del “buon bere”, degustando

LEGGI ANCHE  Il Figlio perduto
Condividi sui social: