Sabato 19 Ottobre 2019 - Anno XVII
Trekking e bici in Carinzia

Trekking e bici in Carinzia

Primavera stagione dei viaggi “lenti”. A piedi o in bici per guardare il mondo in modo diverso e “sostenibile”. Iniziamo dalla Carinzia, la regione austriaca tipica per gli specchi d’acqua cristallini costeggiati da piste ciclabili e per il trekking

Passeggiata in Carinzia

Uno sguardo sui laghi
Uno sguardo sui laghi

La Carinzia, la regione più meridionale fra i Lander austriaci, è una meta indicata per una gita tutta natura ora che il clima è più mite. E’ una terra dove l’acqua abbonda: sono 1270 i laghi sul suo territorio, di cui 200 balneabili e tutti con acqua potabile a temperature fino a 28° in estate. I corsi d’acqua sono lunghi in totale 8mila chilometri, le sorgenti curative sono 60 e i ghiacciai 43. Un patrimonio che nel 2004 ha ispirato l’iniziativa intitolata “Carinzia-Regno dell’Acqua”: molte località ed esercizi turistici hanno iniziato a offrire una gamma di attrazioni e manifestazioni a tema.
Quest’anno gli ambasciatori della manifestazione hanno lanciato lo slogan “Vita dell’Acqua” per invitare i turisti a visitare in particolare il lago Millstätter See e le località di Spittal an der Drau, Seeboden, Millstatt, Döbriach, Radenthein, Ferndorf e Fresach.

A piedi sul monte Dobratsch

Camminata a misura di famiglia
Camminata a misura di famiglia

Un weekend potrebbe bastare per fare una camminata al Parco Naturale del Dobratsch vicino alla città di Villach e a qualche chilometro dal confine friulano. In circa due ore si può raggiungere a piedi la vetta del monte ( 2.167 metri) per visitare due antiche chiese: quella “tedesca” o Deutsche Kapelle, e la “Slovena” o Windische Kirche. Una leggenda racconta che i due edifici furono entrambi eretti dopo l’apparizione della Vergine Maria nel 1690.
Un percorso alternativo potrebbe essere quello geologico. Si tratta di un sentiero didattico attraverso cinque stazioni geologiche che indicano le diverse formazioni rocciose del Dobratsch.
Chi non se la sente di salire fino in vetta può fare invece una sosta al giardino botanico alpino “Alpengarten Villach”: su un’area di 10mila metri quadrati sono racchiuse 800 specie vegetali divise in 25 ambienti naturali.
Un’altra idea è l’escursione al Parco Nazionale Nockberge. I Nockberge devono il nome alla loro forma. Sono cime che si elevano e culminano in panettoni arrotondati, coperti d’erba, e in lunghe creste collegate fra loro e percorribili senza pericolo. Il parco nazionale è accessibile anche con una strada panoramica a pedaggio e numerosi sentieri d’alpeggio.

In bici lungo la Drava e…

Commentando il panorama
Commentando il panorama

La principale arteria idrica della Carinzia è seguita da una delle più belle piste ciclabili delle Alpi. Da Dobbiaco a Lienz, la Drava è un affluente del Danubio che scorre attraverso la Val Pusteria, passando davanti alle Dolomiti di Lienz fino al capoluogo del Tirolo Orientale. Si può proseguire anche attraverso la Oberdrautal, l’Alta Valle della Drava, e lungo il percorso deviare verso la città romana di Aguntum. Anche a Lurnfeld si incontrano scavi romani: quelli della città di Teurgia a poca distanza da Spittal. Da qui si continua in gran parte lungo la sponda della Drava arrivando a Villach.

© RIPRODUZIONE RISERVATA