Lunedì 22 Luglio 2024 - Anno XXII

Zen. Dizionario delle Religioni

Zen di Rossella Marangoni, Collana Dizionari delle Religioni, Edizione Electa, pagine 336 con 320 illustrazioni, € 20,00. ” width=”177″ height=”270″> Zen di Rossella Marangoni, Collana Dizionari delle Religioni, Edizione Electa, pagine 336 con 320 illustrazioni, € 20,00. Definito come espressione religiosa o filosofica, lo Zen è una corrente del Buddhismo cinese e giapponese che ha fortemente influenzato l’esperienza del sacro in Estremo Oriente, così come l’estetica e le arti, lasciando una traccia profonda e persistente nella cultura giapponese. Il termine Zen è altamente evocativo, quasi un attributo adatto a oggetti, comportamenti e stili di vita estranei a una dottrina religiosa … Leggi tutto


<span style=Zen
di Rossella Marangoni, Collana Dizionari delle Religioni, Edizione Electa, pagine 336 con 320 illustrazioni, € 20,00.
” width=”177″ height=”270″>
Zen
di Rossella Marangoni, Collana Dizionari delle Religioni, Edizione Electa, pagine 336 con 320 illustrazioni, € 20,00.

Definito come espressione religiosa o filosofica, lo Zen è una corrente del Buddhismo cinese e giapponese che ha fortemente influenzato l’esperienza del sacro in Estremo Oriente, così come l’estetica e le arti, lasciando una traccia profonda e persistente nella cultura giapponese.
Il termine Zen è altamente evocativo, quasi un attributo adatto a oggetti, comportamenti e stili di vita estranei a una dottrina religiosa di straordinaria ricchezza e pregnanza, tanto da confondere le idee sulla portata della sua spiritualità.
Il volume rintraccia le origini di questa religione, delineandone lo sviluppo storico permettendo così di fare chiarezza, di superare i fraintendimenti su un termine abusato per restituire allo Zen la sua natura di dottrina.
Lo Zen ha origine in Cina ed è identificato con la pratica che lo caratterizza per eccellenza: la meditazione, anche se il rituale è correlato da tutta una serie di manifestazioni complesse. Spesso si è accostata questa filosofia a una molteplicità di espressioni artistiche, ma in questo dizionario si è scelto di selezionare solo opere create dai monaci nell’ambito della cultura dei monasteri o custodite nei templi zen, ma create nel contesto dottrinale di altre scuole buddhiste.
Altre sezioni sono dedicate ai sutra (testi sacri), all’analisi di numerose figure di carattere divino. Il dizionario suggerisce percorsi di approfondimento all’interno della storia, della realtà e della pratica quotidiana dello Zen. Lo sforzo dell’autrice è stato di voler dar conto di una complessità che non si vuole esaurire nello spazio dei lemmi ma, piuttosto, restituire lo Zen alla sua natura di percorso religioso.
Il dizionario si conclude con una parte che descrive le arti praticate nei monasteri o da essi patrocinate e poi sviluppatesi autonomamente.
Negli apparati si è voluto dare spazio a un elenco di templi e giardini che rappresentano i luoghi in cui si possono apprezzare alcune tra le più affascinanti realizzazioni artistiche. Il dizionario diventa così anche una giuda esclusiva e altamente selettiva di un viaggio che sconfina dalle pagine del libro.

LEGGI ANCHE  Diavoli stranieri sulla Via della Seta
Condividi sui social: