Lunedì 20 Maggio 2024 - Anno XXII

Pedalare lungo l’Isarco

Con la nuova ciclabile sulle due ruote dal confine con l’Austria al capoluogo dell’Alto Adige seguendo il corso del fiume. E un percorso tematico per visitare siti culturali e musei

Bressanone
Bressanone

Route 99, come i chilometri del percorso del fiume Isarco dal Brennero a Bolzano.

È il nome della nuova pista ciclabile della valle che prende il nome dal fiume, 102 chiometri che si raccordano poi con la strada dell’Adige fino a Venezia.

La ciclabile è quasi interamente realizzata su sede separata da quella stradale ed è in lieve ma costante discesa, cosa che la rende facilmente percorribile a chiunque.

Si può seguire interamente o a tappe per poi tornare al punto di partenza con il servizio trasporto bici dei treni regionali.

 

Servizi per i ciclisti

Mezzaselva
Mezzaselva

L’associazione Eisackbike raggruppa una serie di alberghi, ristoranti, noleggi, rifugi, impianti di risalita che offrono particolari servizi per i ciclisti. Inoltre, il Consorzio Turistico della Valle Isarco ha realizzato un’apposita cartina della parte centrale della ciclabile tra Vipiteno, Bressanone e Chiusa con spunti e notizie utili di un percorso tematico culturale ideale, chiamato Ciclabile Culturale della Valle Isarco. Domenica 17, sarà possibile provarla con la seconda edizione di “Lungo l’Isarco in Bici”, un giornata di cicloturismo aperta a tutti gratuitamente, con partenze da Vipiteno, Bressanone e Chiusa. Si potranno visitare siti culturali e musei e sono in programma momenti di intrattenimento e gastronomici.

(15/5/09)

 

Per saperne di più:

www.valleisarco.info

LEGGI ANCHE  Ecomuseo dell'Est Ticino: percorsi tra storia, saperi e mestieri
Condividi sui social: