Mercoledì 17 Aprile 2024 - Anno XXII

L’arte in pagina a Vicenza

Libri incerottati, imbullonati o che volano via. Omini che si arrampicano sui volumi e testi sotto resina. Lettere, pagine, copertine sono interpretate da cinquantaquattro artisti contemporanei, perlopiù giovani emergenti

Andrea Di Marco, banca senza titoli, 2009, olio su tela
Andrea Di Marco, banca senza titoli, 2009, olio su tela

A Vicenza, domenica primo novembre, apre “ad librandum“, una mostra coordinata dall’assessorato comunale alla cultura che espone, fino al 29 dello stesso mese, una produzione variegata che si libra per poi tornare, come suggerisce il titolo, all’idea di libro.  La rassegna si snoda in cinque luoghi della città: casa Cogollo detta del Palladio, A2 – AndreA Arte ContemporaneA, Valmore studio d’arte, libreria Galla Librarsi, l’Officina arte contemporanea. Tre, invece, sono le sezioni tematiche proposte idealmente: la prima comprende dipinti che hanno per oggetto il libro, come i volumi attraversati da formiche ad opera di Andrea Buglisi o quelli con i personaggi settecenteschi disegnati da Vanni Cuoghi  e che portano i tomi verso nuvole rosa. Dal sapore futurista, le lettere reinterpretate  in libertà da Elisabetta Vignato, Arcangelo e Marco Neri, o nel manifesto di Marotta&Russo.

Impaginazione tridimensionale

Marotta&Russo, Fast Manifesto (Il Manifesto del Partito Comunista di Marx & Engels), 2009
Marotta&Russo, Fast Manifesto (Il Manifesto del Partito Comunista di Marx & Engels), 2009

Accomuna i “libri d’artista” la seconda sezione dove figurano volumi che hanno perso funzione e forma originarie per diventare appunto altro, un’opera tridimensionale. Umberto Chiodi, per esempio, inscatola alcune poesie di William Blake, Michele Giangrande incerotta un testo, Daniele Monarca compone la sua “Antalogia velleitaria” a penna su tovagliolini di carta. 

La terza sezione riguarda, infine, i “libri d’arte“, con esempi di poesia visiva di Lamberto Pignotti e Roberto Senesi, alcuni dei primi testi editati da Bruno Munari e un esemplare raro di Lia Drei.

(30/10/09)

 

 

Ad Librandum. Luoghi, date e orari

La mostra “ad Librandum” sarà aperta dal 1° al 29 novembre con ingresso libero a tutte le sedi espositive.

Casa Cogollo è (corso Palladio, 165) aperta dal martedì alla domenica, dalle 10.30 alle 13 e dalle 15 alle 19 (uffmostre@comune.vicenza.it, tel. 0444222114-321354).

LEGGI ANCHE  Turismo: la Bellezza in Italia fa crescere il Pil

Per avere accesso ad A2-AndreA Arte contemporaneA in via dell’Edilizia, 56 (info@andrea-arte.com, tel. 0444541070) e all’Officina arte contemporanea in contrà Carpagnon, 17 (l-officina@libero.it, tel. 3388071817) è necessario fissare un appuntamento.

Allo studio d’arte Valmore in contrà Santa Croce, 14 (arte@valmore.it, tel. 0444322557) e alla libreria Galla Librarsi in contrà delle Morette, 4 (librarsi.vicenza@libero.it, tel. 0444225280) le opere sono esposte nelle vetrine esterne.

Condividi sui social: