Giovedì 29 Settembre 2022 - Anno XX
Abele e Caino: nomadismo e sedentarietà

Abele e Caino: nomadismo e sedentarietà

Una nuova puntata della rubrica sulla “Storia del camminare” ci conduce sulle tracce dei figli di Adamo ed Eva. I fratelli dell’episodio biblico incarnano le due “anime” in cui è divisa la stirpe umana

Una iurta, la caratteristica tenda bianca piantata nelle steppe della Mongolia
Una iurta, la caratteristica tenda bianca piantata nelle steppe della Mongolia

Tutto considerato, al mondo ci sono solo due tipi di uomini: quelli che stanno a casa e quelli che non ci stanno“. (Joseph Rudyard Kipling)

 

Lo spazio, prima del neolitico, era del tutto privo di quei segni che cominciarono a solcare la superficie della Terra con l’agricoltura e gli insediamenti. L’unica architettura che attraversava il mondo paleolitico era il percorso, il primo segno antropico capace di insinuare un ordine artificiale nei territori del caos naturale. Lo spazio, che era per l’uomo primitivo una spazio empatico, vissuto e animato da presenze magiche, ha cominciato a trovare nel paleolitico i primi elementi di ordine.

I bisogni e i segni dell’Uomo

Insediamento neolitico sulle Isole Orcadi, Scozia
Insediamento neolitico sulle Isole Orcadi, Scozia

Quello che doveva essere uno spazio irrazionale e casuale basato sulla concretezza dell’esperienza materiale ha cominciato lentamente a trasformarsi in spazio razionale e geometrico generato dall’astrazione del pensiero. Si è passati da un uso meramente utilitaristico legato alla sola sopravvivenza alimentare a una attribuzione di significati mistici e sacri allo spazio fisico, riempiendo il vuoto circostante con dei “pieni” che servivano a orientarsi.

Alla fine del paleolitico dunque il paesaggio decifrato dall’uomo era probabilmente come quello del “walkabout” aborigeno: uno spazio costruito dai vettori del percorso erratico, una serie di elementi geografici collegati a eventi mitici e montati in sequenza.

In generale non è quindi corretto parlare di nomadismo prima della rivoluzione neolitica del VII millennio a.C., essendo il nomadismo e l’insediamento entrambi legati al nuovo utilizzo produttivo della terra cominciato con il cambiamento climatico seguito all’ultima glaciazione. Da questa rivoluzione del tempo e dello spazio, nascono nel neolitico sia il percorso sedentario sia quello nomade che derivano entrambi dal mondo erratico paleolitico.

In Abele e Caino i destini dell’Umanità

L'uccisione di Abele in un mosaico della Cattedrale di Otranto (XII sec.). Istituto Comprensivo Otranto
L’uccisione di Abele in un mosaico della Cattedrale di Otranto (XII sec.). Istituto Comprensivo Otranto

Per utilizzare nuovamente i miti per meglio comprendere la storia, possiamo rifarci a quello di Caino e Abele. Come si legge nella Genesi, a una prima divisione sessuale dell’umanità – Adamo ed Eva – segue, nella seconda generazione, una divisione del lavoro e quindi dello spazio. I figli di Adamo ed Eva incarnano le due anime in cui fu divisa fin dal principio la stirpe umana: Caino l’anima sedentaria e Abele quella nomade.

Per volere di Dio, Caino si sarebbe dedicato all’agricoltura e Abele alla pastorizia. Adamo ed Eva lasciarono così ai loro figli un’equa spartizione del mondo: a Caino la proprietà di tutta la terra e ad Abele quella di tutti gli esseri viventi. Ma in seguito a una lite, Caino uccise Abele; per il peccato fratricida, fu condannato alla condizione di eterno vagabondo, con una punizione che sa di contrappasso: “Se coltiverai la terra, essa non ti darà più il suo prodotto e tu sarai errante e fuggiasco nella terra”, proclamò il Signore.

Come ci ricorda Chatwin in alcuni dei suoi appunti: “I nomi dei fratelli sono una coppia di opposti complementari. “Abele” deriva dall’ebraico hebel, cioè “fiato” o “vapore”: ogni cosa animata, che si muova e che sia transeunte, compresa la sua vita. La radice di “Caino” sembra sia il verbo kanah: “acquisire”, “ottenere”, “possedere”, e quindi “governare” o “soggiogare” “.

© RIPRODUZIONE RISERVATA