Sabato 24 Febbraio 2024 - Anno XXII

Cosa ti porti dentro se sai di non tornare più?

Cosa ti porti dentro se sai di non tornare più? di Roberto Di Marco, FBE Edizioni, pagine 272, Euro 13,00. ” width=”174″ height=”260″>Cosa ti porti dentro se sai di non tornare più? di Roberto Di Marco, FBE Edizioni, pagine 272, Euro 13,00. 15 paesi lontani, raccontati da chi è andato a viverci, lasciandosi una vita alle spalle per una nuova vita, una nuova avventura. 15 storie di personaggi che hanno mollato tutto, hanno tagliato i ponti col proprio paese, senza fare più ritorno; capaci di affrontare realtà sconosciute, di fare il salto nel buio all’interno di una cultura diversa e … Leggi tutto

Cosa ti porti dentro se sai di non tornare più?Cosa ti porti dentro se sai di non tornare più?
di Roberto Di Marco, FBE Edizioni, pagine 272, Euro 13,00.
” width=”174″ height=”260″>
Cosa ti porti dentro se sai di non tornare più?
di Roberto Di Marco, FBE Edizioni, pagine 272, Euro 13,00.

15 paesi lontani, raccontati da chi è andato a viverci, lasciandosi una vita alle spalle per una nuova vita, una nuova avventura.

15 storie di personaggi che hanno mollato tutto, hanno tagliato i ponti col proprio paese, senza fare più ritorno; capaci di affrontare realtà sconosciute, di fare il salto nel buio all’interno di una cultura diversa e distante dalla propria, stravolgendo abitudini, modi di vivere e di pensare.

Cosa ti porti dietro se sai di non tornare più? rappresenta il distacco definitivo dalle proprie origini, dalle proprie radici. La domanda del titolo è legittima: “Cosa ti porti dietro se sai di non tornare più?” Cioè quale bagaglio porti con te e a cosa hai rinunciato? In che misura ti porti dietro il tuo passato e quanto sei disposto a metterlo in discussione?

Il libro, è un mix di avventura e attualità, nonché di informazioni e suggerimenti per chi voglia rifarsi una vita all’estero. Tende a soddisfare il desiderio di molti viaggiatori di entrare in rapporto con popolazioni diverse e mondi lontani e vivere una nuova esperienza di vita più coinvolgente, all’interno di una nuova cultura.

Il lettore respira la vita reale e quotidiana del paese, le vicessitudini dei protagonisti e scopre come sia stato possibile inserirsi, adattarsi o integrarsi. Attraverso storie di vita autentiche, frutto di incontri ed interviste fatte a espatriati, viene fuori il volto inedito di ogni paese, visto da chi ci vive, da chi è coinvolto in prima persona negli avvenimenti e nei problemi di tutti i giorni.

Fare armi è bagagli e partire, accada quel che accada, è la filosofia di diversi giovani che, non trovando sbocchi, speranze per il futuro, si attaccano al presente. Diminuisce sempre di più la volontà di procrastinare, di fare grossi progetti e cresce, invece, la voglia di prendere dalla vita tutto e subito, senza aspettare un futuro che offre poche garanzie. Come accade nel protagonista di uno dei racconti.

LEGGI ANCHE  Le balene restino sedute

Incluso al libro un test da fare per capire se si è pronti a fare il grande salto!

Condividi sui social: