Martedì 21 Maggio 2024 - Anno XXII

Rotterdam, l’altra olandese

Storica rivale di Amsterdam, la seconda città dell’Olanda è un concentrato di bei palazzi, molti dei quali “firmati”, di zone verdi, canali e negozi per tutte le preferenze e tutte le borse. Ideale per uno stacco dal solito itinerario

Gioco di luci e colori sul porto di sera
Gioco di luci e colori sul porto di sera

Di motivi per un viaggio in Olanda ce ne sono parecchi. Per una volta dimentichiamoci della capitale e concentriamoci sulla seconda città del Paese.

Per comprendere l’essenza della bellezza di Rotterdam bisogna attendere il tramonto, quando si accendono le luci sulla sua splendida architettura moderna. Questa città, la seconda per importanza dei Paesi Bassi e uno fra i maggiori porti del mondo, deve paradossalmente la sua odierna fortuna ai bombardamenti aerei tedeschi che la rasero completamente al suolo durante la seconda Guerra Mondiale.

Finita la guerra, quella che era una città portuale, fondamentalmente operaia, si è trovata con grandi spazi vuoti da riempire e gli olandesi, pragmatici come sempre, li hanno utilizzati per edificare una città modernissima, imponendosi nel contempo di riserbare un particolare riguardo alla bellezza degli edifici, progetto questo affidato ai maggiori nomi dell’architettura mondiale. L’opera di ricostruzione, o di costruzione ex-novo, continua incessante anche ai giorni nostri e ciò ha contribuito a trasformare la città portuale, un tempo prevalentemente proletaria, in un centro direzionale moderno, sede delle più importanti società e cuore della finanza olandese.

Ritorno in “watertaxi”, verso musei e negozi

Il ponte Erasmus
Il ponte Erasmus

Dall’altra parte del ponte, nella zona sud della città, spicca il prospetto inclinato del nuovo centro uffici della Telekom olandese, disegnato da Renzo Piano, che si trasforma in un’enorme lavagna luminosa con i suoi punti verdi a comporre scritte e disegni. Proprio di fianco si staglia il Luxor, un teatro-sala da concerti. Siamo sul Wilhelmina Pier, dove attraccavano le navi della Holland-Amerika Line che portarono oltre oceano migliaia di emigranti. Di quell’epoca rimangono gli uffici della Compagnia, che oggi sono diventati il caffè e l’albergo New York (Koniniginnenhoofd 1, telefono 4390500), sicuramente il locale più “trendy” di Rotterdam.

Per tornare verso il centro si prende un watertaxi e ci si fa lasciare a Leuvenhaven, al Maritiem Museum, il museo marittimo in parte ospitato in un moderno edificio e in parte su una ex-nave scuola militare che mostra le condizioni di vita a bordo del secolo scorso. Dall’altra parte della strada, dove passano i tram, inizia la Schilderstraat che prosegue come Witte de Withstraat e Museumpark. Qui sono concentrati i musei. Al numero 63 c’è l’Istituto di Fotografia olandese al numero 50 il Museo Witte de With. Al 18/20 di Museumpark si trova la Collezione Boijmans Van Beuningen e al numero 25 l’Istituto Olandese di Architettura. Uscendo sulla Westblaak, si può visitare Villa Sonnefeld, una casa degli anni Quaranta ricca di arredi dell’epoca. Proseguendo ancora un po’ si arriva al Westersingel, uno degli antichi canali, prossimo al fiume Mosa.

Una città da “passeggiare”

Il grattacielo della Nationale Nederlands
Il grattacielo della Nationale Nederlands

Le dimensioni di Rotterdam sono tali che la si può percorrere agevolmente a piedi. Non dico che siano i canonici “quattro passi”, ma con un paio di scarpe comode e la giornata a disposizione si può tranquillamente fare. Un fine settimana è sufficiente per farsi un’idea più che appagante delle possibilità offerte dalla città; oltretutto, il venerdì sera i negozi sono aperti fino a tarda ora. Per arrivarci si vola fino ad Amsterdam; proprio sotto l’aeroporto c’è la stazione ferroviaria e in una cinquantina di minuti di treno si arriva a Rotterdam Centraal. Di fronte alla stazione spicca il grattacielo nel quale è ospitato l’Hotel Westin, inaugurato nel 2000. L’albergo si trova sul vertice inferiore destro di un ipotetico rettangolo che costituisce il centro cittadino. A sinistra si apre la Weena: ai due lati della strada, molto larga, ma lunga solo trecento metri, si stagliano alti una serie di palazzi.

LEGGI ANCHE  Quando impazza l'Oktoberfest

Proprio all’angolo con la stazione, il più alto con i suoi centocinquanta metri è il grattacielo della Nationale Nederlands, tutto ricoperto di vetro riflettente, che si slancia verso il cielo da una base in marmo nero. Subito a fianco il palazzo della multinazionale Unilever, un cubo aperto che rompe con lo stile degli altri edifici. Sull’altro lato della strada, un palazzo adibito ad uffici, l’Office Building 2000 che con le sue aperture consente un’interessante visione dell’interno. Qui, volendo, si può tentare la fortuna nel Casinò Plaza. Dietro, attraversando una galleria, si arriva sulla Zuid Weena, dove al numero 142 c’è The Collectors Company (telefono 4148001), un negozio specializzato in oggetti da collezione, tra i quali tutto, ma proprio tutto, ciò che riguarda il mondo fiabesco di Walt Disney.

Nella zona pedonale

Il teatro dell'opera in rosso
Il teatro dell’opera in rosso

Siamo entrati nella zona pedonale che è tutta un susseguirsi di negozi di abbigliamento, scarpe, accessori, grosso modo lo stesso tipo di merce che troviamo in Italia; merita comunque una passeggiata curiosa. Al termine della piccola via si raggiunge il Coolsingel; fino al secolo scorso era un canale, oggi è la via principale della città.

Circa a metà, sul lato sinistro scendendo, si trova il Municipio, stabile sopravvissuto alle distruzioni della guerra e dall’altro lato della strada, al numero 67, all’angolo con la Stadhuisplein l’Ufficio Informazioni Turistiche (telefono 413 40 11). Ancora un centinaio di metri e si arriva alla Bursplein con il palazzo della Borsa, il World Trade Center sulla sinistra e i grandi magazzini De Bijenkorf sulla destra. Sotto, la Beurs Traverse, un sottopassaggio pedonale pieno di negozi, preludio alla zona che ospita tutta una serie di indirizzi sfiziosi, vicino alla Hoogstraat e alla cattedrale di Laurentskerk (San Lorenzo), con il portone creato da Manzù. Probabilmente questa è l’unica chiesa al mondo che al suo interno ha il bar e il reparto fumatori. Sulla destra, uscendo, sola soletta, la statua di Erasmo, forse il cittadino di Rotterdam più famoso della storia. Art & Casey (Noordmolenwerf 175) è uno di quei negozi appena definiti “sfiziosi”. Vende accessori e gioielli disegnati e prodotti dalle due titolari. Poi c’è il D.A.D (Dutch Art & Design, Binnenrotte 77) che accomuna nel medesimo spazio una sala da tè e un negozio di arredamenti per interni; un’occhiata la vale. Tra l’altro, sempre sulla Binnerotte, al giovedì e al sabato c’è il mercato dell’usato.

LEGGI ANCHE  Moldova 3. Vino, vino e ancora vino

Trenini, panini e casette storte!

Le gialle casette storte tipiche di Rotterdam
Le gialle casette storte tipiche di Rotterdam

Per i mariti eterni bambinoni, da Mejer & Blessing (Westwagenstraat 27 telefono 4114131) si trovano trenini e modellini di auto. Alla fine della Hoogstraat, la principale strada pedonale, si giunge nella zona del mercato e qui si può assaggiare il panino con l’aringa cruda e le cipolle tritate. Non è per tutti i gusti, ma è un’esperienza che merita, per chi visita Rotterdam. Siamo nella zona di Blaak; saltano subito all’occhio le famose Kijkkubus, le gialle casette storte visitabili all’interno al sabato mattina; si passa il soprappassaggio tra le casette e dall’altra parte arriviamo a Oude Haven, il porto vecchio dove, attraccato alla Koningsdamm c’è il clipper “Midwinter” che ospita un simpatico negozio di componenti d’arredo. Siamo sulle rive della Mosa, scavalcata dal vecchio ponte Willemsbrug e, più distante sulla destra, anche dal fantastico Erasmusbrug, il nuovissimo ponte che collega le due sponde del fiume. C’è veramente da rimanere a bocca aperta nell’ammirarlo. Al di là dei portenti tecnici che lo rendono in grado di alzarsi e abbassarsi in soli due minuti per il passaggio dei natanti, è la sua forma a sorprendere, leggermente arcuata a dorso d’asino e sorretta da un unico altissimo pilone dal quale partono tutta una serie di leggerissimi cavi d’acciaio che sostengono l’intera struttura.

Il momento più bello è al tramonto, quando sullo sfondo del cielo color cobalto si stagliano le bianche esili forme che prendono riflessi verdi, illuminate dai riflettori, mentre sul piano stradale si inseguono le luci bianche e rosse delle automobili di passaggio.

Un faro a “portata di mano”

La passeggiata sulla Schouwburgplein
La passeggiata sulla Schouwburgplein

Giunti a Westplein, ecco il Café Restaurant Loos, che fronteggia il porticciolo di Veerhaven, nel quale si trovano orneggiati diversi antichi velieri. Risalendo verso la stazione, sul lato destro del Westersingel si incontra la Oude Binnenweg con i suoi negozi e locali. Al numero 115 di questa via c’è il Sijf Café-Dineé, un locale vecchio stile con arredamenti in legno scuro. Sul lato sinistro, la continuazione della via è la Nieuwe Binnenweg che ospita una serie di locali molto interessanti, da quelli trendy come Rotown (al numero 19, telefono 4362669) o Sorgh & Hoop (al numero 9-a, telefono 4362996), caratterizzato dalla tipica atmosfera del Suriname. Per lo shopping si incontrano diversi negozi di abbigliamento per tutti i gusti: dal punk (come Outrage, al numero 85, telefono 4361002), al Second-Hand come Knetter (All’88-a, telefono 4365354) o ancora, nelle vicinanze, Skin Tight (Josephstraat 160-162, telefono 4363756).

LEGGI ANCHE  Cefalonia: natura, bellezze, storia e ricordi

Tornati sul Westersingel, è consigliabile una piccola deviazione per terminare la “passeggiata” cittadina sulla Schouwburgplein. Meglio comunque arrivarci di sera, quando le facciate del Multiplex Cinema e del Rotterdam Schouwburg Theater spiccano nella grande piazza, peraltro illuminata solo a quattro grandi lampioni a forma di gru (in costante ricordo della fortuna portuale di Rotterdam). Sulla punta del braccio estensibile di ogni lampione-gru, un unico potente faro unidirezionale che illumina un preciso punto della piazza, scelto però liberamente da qualunque passante abbia voglia di mettersi ai comandi della centralina che si trova sotto i quattro lampioni. Una “manovra” accessibile a tutti.

Viaggio nel Paese “Orange”

Rotterdam, l'altra olandese

Mulini a vento, tulipani anche d’inverno e gita in canali romantici. Un viaggio incredibile immersi nella natura in un’atmosfera davvero magica. L’Olanda dalla mia sfaccettature incuriosisce viaggiatori di tutto il mondo e soprattutto di tutte le età. L’Olanda, patria di pittori strepitosi (Van Gogh, Rubens e Rembrant), di filosofi (Erasmo da Rotterdam e Spinoza) e di scrittori (Anna Frank). Un viaggio da vivere e scoprire per tutta la nazione “Orange”.

Per maggiori informazioni, consultare il sito internet: www.logitravel.it/hotel

Di seguito una piccola lista degli hotel in Olanda.

Dormire ad Amsterdam:

Amstel Botel (3*), Pochi alberghi nel mondo possono competere con l’Amstel Botel; pochi possono vantare una posizione altrettanto vantaggiosa per visitare la città. L’Amstel Botel offre il domicilio ideale a coloro che si trovano ad Amsterdam di passaggio o a coloro che desiderano visitare tutte le attrattive della città. Questo inusuale hotel dà la possibilità di provare e conoscere lo stile di vita degli abitanti della città, vivendo sull’acqua.

Nh Tropen (3*), è situato in prossimità dell’Oosterpark e dell’Istituto tropicale reale, nelle vicinanze delle principali vie dello shopping e del Dappermarkt. Bastano pochi minuti a piedi per raggiungere piazza Waterloo, lo Zoo Artis e il Giardino Botanico.

Dormire a Rotterdam:

Campanile Rotterdam Oost (3*), situato a pochi passi dal centro cittadino, in prossimità della stazione degli autobus e della stazione della metropolitana.

Eden Savoy Rotterdam Centre (4*), moderno inaugurato nel 2004, situato nel cuore dalla Piazza de las Glorias, accanto alla Torre Agbar, nuova zona d´affari di Barcelona 22 e vicino nel centro cittadino.

Dormire a Utrecht e Delft:

Utrecht City Centre Apollo Hotel (4*), ubicato nel cuore di Utrecht, in una zona ricca di possibilità di shopping, ristoranti, bar e musei.

Campanile Delft (3*), ideale per famiglie, gode di una posizione favorevole, a 2 chilometri dal centro di Delft.

Chi è LogiTravel? E’ un agenzia di viaggi online che offre una vasta selezione di prodotti turistici e i migliori prezzi di voli, hotel, crociere e pacchetti vacanze. Nata nel 2004, LogiTravel si differenzia per specializzarsi nelle linee di negozio maggiormente complesse del panorama turistico, con lo scopo di offrire un valore aggiunto al cliente. Attualmente LogiTravel è presente in Italia, Spagna, Portogallo e Germania.

Condividi sui social: