Venerdì 19 Luglio 2024 - Anno XXII

La parola è doppia

Vedi il mapo, ibrido di mandarino e pompelmo. Anche la moda non ha resistito alla tentazione delle parole doppie. Così il beige più il grigio diventa “Greige”, la lingerie più la lounge si traforma in una nuova collezione da indossare: la “Loungerie”

Il mapo, re degli
Il mapo, re degli “incroci” nel mondo degli agrumi

In una ricerca riportata da Repubblica è emerso che su duemila parole del nostro lessico quattro o cinque sono inglesi. E poche sono intraducibili. A queste bisogna aggiungere le parole composte, ora rare ma destinate ad aumentare.

All’inizio con nomi “incroci” c’erano solo gli agrumi. Il mapo e il mandarancio ibridi di mandarino con pompelmo o con arancio.

Poi il tarlo dell’abbinamento è entrato nella moda e Giorgio Armani ha inventato il greige, una raffinata tonalità tra il beige e il grigio diventato uno dei suoi colori prediletti e utilizzato in seguito da molti stilisti.

Biancheria non troppo “intima”

Dalla collezione di Pierre Mantoux
Dalla collezione di Pierre Mantoux

Ora da Pierre Mantoux, storico marchio di calze da donna, italianissimo nonostante il nome d’oltralpe, arriva un’altra nuova parola. È Loungerie che mette insieme il vocabolo francese lingerie e l’inglese lounge. Corrisponde a una collezione che ha la vestibilità morbida e stile boudoir della biancheria intima, delle camicie da notte, delle vestaglie. È realizzata negli stessi tessuti leggeri e fascianti come il raso di seta o il jersey, spesso nei medesimi colori delicati come panna, cipria, perla, con punte osé di bordeaux e nero. Ma è concepita per potere essere indossata anche al di fuori della camera da letto, naturalmente da chi ha il preciso proposito di ritornarci. È perfetta quindi per un soggiorno, meglio proprio, dove le luci sono basse, le musiche soft e molto, molto suadenti. Quelle appunto che nella discografia vengono classificate come musiche lounge. (11/01/2011)

LEGGI ANCHE  Homo Actualis
Condividi sui social: