Sabato 20 Luglio 2024 - Anno XXII

Lanterne magiche sul web

Uno dei vetri della collezione della Cinémathèque française Dalle sale della Reggia di Venaria a una mostra virtuale visitabile con un clic. Potrebbe essere questo lo sviluppo de “Le Macchine della Meraviglia. Lanterne Magiche e Film Dipinto. 400 anni di cinema“. La mostra, a cura di Donata Pesenti Campagnoni e Laurent Mannoni, ha rivelato i “prodigi” dei vetri dipinti delle lanterne, gli strumenti ottici antenati del cinema odierno. Allestita dal 22 luglio 2010 al 9 gennaio scorso a Torino, nelle Sale delle Arti ai Piani Alti della Reggia di Venaria, l’esposizione ha riscosso l’interesse del pubblico registrando l’ingresso di 42.248 … Leggi tutto

Uno dei vetri della collezione della Cinémathèque française
Uno dei vetri della collezione della Cinémathèque française

Dalle sale della Reggia di Venaria a una mostra virtuale visitabile con un clic. Potrebbe essere questo lo sviluppo de “Le Macchine della Meraviglia. Lanterne Magiche e Film Dipinto. 400 anni di cinema“. La mostra, a cura di Donata Pesenti Campagnoni e Laurent Mannoni, ha rivelato i “prodigi” dei vetri dipinti delle lanterne, gli strumenti ottici antenati del cinema odierno. Allestita dal 22 luglio 2010 al 9 gennaio scorso a Torino, nelle Sale delle Arti ai Piani Alti della Reggia di Venaria, l’esposizione ha riscosso l’interesse del pubblico registrando l’ingresso di 42.248 visitatori. Un risultato positivo, spiega una nota del Museo Nazionale del Cinema, che avrebbe convinto il Ministero per i Beni e le Attività Culturali a realizzare una versione web della mostra. Il progetto rientrerebbe nell’iniziativa MuseiD-Italia, destinata ai portali Internet Culturale e Culturalia.

“Siamo onorati dalla decisione del Ministero per i Beni e le Attività culturali, che ha selezionato la mostra tra le più interessanti e innovative del 2010, per farla rivivere sul web a vantaggio di chi non avesse potuto visitarla di persona”, ha commentato Alberto Barbera, cirettore del Museo Nazionale del Cinema. (14/01/2011)

LEGGI ANCHE  La festa di Marche in Blu
Condividi sui social: