Martedì 6 Dicembre 2022 - Anno XX
Golf e birra nella terra di Ludwig II

Golf e birra nella terra di Ludwig II

Attorno al lago di Chiemsee, nella Baviera orientale, un tempo regno dell’enigmatico Ludwig II, c’è una interessante opportunità per gli amanti del golf, costituita da alcuni splendidi percorsi, che si trovano all’interno di un originale itinerario della birra

Il castello e i giardini di Herrenchiemsee
Il castello e i giardini di Herrenchiemsee

Al centro di un’isola sul lago di Chiemsee, ad un centinaio di chilometri da Monaco, sorge uno dei tre spettacolari castelli che Ludwig II di Baviera fece costruire durante il suo breve regno. La facciata principale è una fedele ricostruzione del celebre castello di Versailles, che il re volle riprodurre per sottolineare la sua grande ammirazione per il Re Sole. Lo sfortunato monarca abitò però solo per nove giorni nella regale residenza, pochi mesi prima della sua tragica morte, avvenuta nel giugno del 1886.

La nuova Versailles, come viene comunemente chiamato il castello di Herrenchiemsee, si trova sull’isola degli uomini al centro del lago, la cui sponda meridionale lambisce l’autostrada Monaco – Salisburgo. Progettato dall’architetto Dollmann, il castello non voleva essere un servile imitazione della reggia di Versailles, ma una ricostruzione perfettamente consona allo spirito del sovrano bavarese. Dal Salone delle scale alla sontuosa camera da letto, allo sfavillante Salone degli specchi, tutto ricorda però il Re Sole e la sua grandeur. E’ una reggia fantastica che spesso supera, in quanto a maestosità, l’originale residenza di Versailles. La sua costruzione ha richiesto sei anni (dal 1878 al 1884), ed ha comportato investimenti ingentissimi che prosciugarono le casse del regno e, di fatto, decretarono l’inizio della fine per Ludwig II.

In occasione del 125° anniversario della sua morte, dal 14 maggio al 16 ottobre 2011, sarà allestita all’interno del castello Herrenchiemsee una grande esposizione denominata “Il crepuscolo degli dei: Re Ludwig II e il suo tempo”.

Il golf a Chiemsee

Golf Club Hoslwang nei pressi del Chiemsee
Golf Club Hoslwang nei pressi del Chiemsee

Nelle immediate vicinanze del lago, il Golf club im Chiemgau, si trova in una località chiamata Hart, alle spalle di quello che può essere considerato il capoluogo di questo territorio lacustre. L’imponenza di una splendida quercia ultracentenaria, accoglie i visitatori che si accingono ad entrare nella club house. È un percorso molto suggestivo, fatto di grandi alberature, ma estremamente facile per via dell’ampiezza dei fairway. Nei pressi, ecco il golf privato dell’hotel Gut Ising, un complesso costituito da una dozzina di edifici storici, con un centro benessere da primato ed un delizioso campo da golf a nove buche riservato agli ospiti, dotato di un manto erboso eccezionale. Qualche chilometro più a nord troviamo il Golf Club Hoslwang, un percorso disegnato all’interno di una foresta secolare. Aperto nel 1975, è stato completamente trasformato nel 1992 dall’architetto Jurgen Bechler.

Il Golf Club Prien, che si trova a sud del lago di Chiemsee, è un gradevole nove buche con doppie partenze, tagliato in due dalla strada ferrata del trenino del Chiemgau, ed è il percorso più vicino all’imbarcadero da dove partono i battelli per la visita al castello di Ludwig II, nell’isola al centro del lago.

L’itinerario bavarese della birra

Degustazione della birra Maxlrain
Degustazione della birra Maxlrain

Sarà anche vero che un liquido dissetante che può essere assimilato alla birra, veniva prodotto e consumato dagli antichi egizi, ma l’autentica genesi della bevanda più conosciuta al mondo è qui, nel cuore dell’Europa, tra Monaco e Salisburgo, dove troviamo le più qualificate ed antiche birrerie del mondo. È un viaggio nella terra solcata dalle acque lente e tranquille dell’Inn e del Salzach, con il lago di Chiemsee a far da baricentro naturale di un territorio ricco di storia e di emergenze naturalistiche d’eccezione.

Tra le circa venti birrerie artigianali di questo itinerario, segnaliamo, nei pressi di Bad Ailbling, la birreria Maxlrain, situata accanto ad uno splendido castello, dotata di una propria sorgente di acqua purissima, e conosciuta per essere l’unica al mondo a produrre la birra scura, senza l’aggiunta del caramello, ma attraverso una triplice cottura del malto che conferisce questo colore alla birra, in modo naturale. (18/03/2011)

© RIPRODUZIONE RISERVATA