Giovedì 18 Luglio 2024 - Anno XXII

Estate contemporanea a Rovereto

Bruno Munari, Negativo, positivo, 1951. Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto, VAF-StiftungIl Mart di Rovereto apre il 2 luglio prossimo tre mostre d’arte contemporanea per la stagione estiva. “Percorsi riscoperti dell’arte italiana”, “La donazione Paolo Vallorz” e “Contemporanea”, di Olimpia Ferrari, offrono un punto di vista su una rosa di autori nazionali, non sempre ricordati dal grande pubblico. La ricerca artistica dagli anni del dopoguerra si ritrova nel nucleo della Vaf-Stiffung, la raccolta di Volker Feierabend, collezionista tedesco, testimone di movimenti come “Gruppo Nucleare”, “Tempo 3” e di tendenze quali costruttivismo, informale, razionalismo concreto. Il Mart … Leggi tutto

Bruno Munari, Negativo, positivo, 1951. Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto, VAF-Stiftung
Bruno Munari, Negativo, positivo, 1951. Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto, VAF-Stiftung

Il Mart di Rovereto apre il 2 luglio prossimo tre mostre d’arte contemporanea per la stagione estiva. “Percorsi riscoperti dell’arte italiana”, “La donazione Paolo Vallorz” e “Contemporanea”, di Olimpia Ferrari, offrono un punto di vista su una rosa di autori nazionali, non sempre ricordati dal grande pubblico. La ricerca artistica dagli anni del dopoguerra si ritrova nel nucleo della Vaf-Stiffung, la raccolta di Volker Feierabend, collezionista tedesco, testimone di movimenti come “Gruppo Nucleare”, “Tempo 3” e di tendenze quali costruttivismo, informale, razionalismo concreto. Il Mart si arricchisce delle opere di Paolo Vallorz, autore trentino, classe 1931, da anni residente a Parigi, che presenta la sua seconda donazione alla raccolta di Rovereto. Da ricordare la monografica di Olimpia Ferrari nella Project Room del museo. La Ferrari, trentunenne di origine romana, vive e lavora a New York e studia in particolare il rapporto tra individuo e identità. (29/06/2011)

 

Info: www.mart.trento.it

LEGGI ANCHE  Italia allo sfascio! Ne siamo sicuri?
Condividi sui social: