Martedì 4 Ottobre 2022 - Anno XX
Quando impazza l’Oktoberfest

Quando impazza l’Oktoberfest

La festa della birra più famosa al mondo è in pieno svolgimento. Ultimi giorni per vivere un avvenimento importante nella cultura bavarese

Un brindisi per cominciare le festa (© Fotostudio Kubinska & Hofmann)
Un brindisi per cominciare le festa (© Fotostudio Kubinska & Hofmann)

 

Fino al 7 ottobre Monaco di Baviera ospita il tradizionale appuntamento dell’Oktoberfest, la festa della birra più famosa al mondo. Le previsioni fornite dal sito ufficiale parlano di circa sette milioni di visitatori (per l’85% tedeschi e per il 15% di stranieri) che invaderanno le strade di Monaco fino al 7 ottobre, ultima data disponibile per partecipare all’evento. Tanto per dare un’idea della popolarità della manifestazione, durante i giorni della festa la popolazione di Monaco avrà un incremento del 600%.

L’evento si tiene come di consueto nella grandissima Theresienwiese, un’area di circa 42 ettari di estensione con 35 tendoni delle diverse birrerie e tantissime sorridenti cameriere vestite con il Dirndl, il tradizionale abito bavarese che portano una decina di Maß (il boccale da un litro) per volta.

Stando ai dati forniti dagli organizzatori si prevede che quest’anno si consumeranno 7,5 milioni di litri di birra, 400mila Bretzels (i famosi pani salati a forma di “8”), 500mila polli arrosto, 200mila Würstel e 80mila litri di vino, per una spesa complessiva che si aggirerà sui 992 milioni di euro. Non male considerati i tempi che corrono.

Regalo di nozze

Allegra parata per le vie di Monaco (© Oktoberfest.de)
Allegra parata per le vie di Monaco (© Oktoberfest.de)

L’Oktoberfest, è arrivata quest’anno alla sua 179ª edizione. Le sue origini risalgono all’ottobre 1810 quando, in occasione del matrimonio tra il Principe Ludwig von Bayern e la Principessa Therese von Sachsen-Hildburghausen, si tenne una corsa di cavalli organizzata per festeggiare l’evento della loro unione. Visto l’enorme successo ottenuto si pensò di ripetere la festa anche negli anni successivi, così, man mano, sono state aggiunte ulteriori novità che sono ancora presenti al giorno d’oggi, come la famosa fiera agricola che si tiene ogni tre anni, le giostre e i balli con le musiche tradizionali della Baviera.

Consigli pratici

© Oktoberfest.de
© Oktoberfest.de

Per raggiungere la città di Monaco, visto il periodo, difficilmente si trovano voli low-cost. Soluzioni più economiche sono senz’altro il treno o la macchina. La prima è consigliata se si viaggia da soli. Per Monaco ci sono treni diretti da alcune città italiane, l’auto è da prendere in considerazione se si viaggia in compagnia e si dividono le spese. Una volta arrivati a Monaco, però, il consiglio è di utilizzare l’eccellente rete di trasporti locale, anche perché i controlli antialcool della polizia tedesca sono frequentissimi e severissimi. Sul sito dell’Azienda dei trasporti di Monaco “Münchner Verkehrs- und Tarifverbunder”, o più semplicemente MVV, ci sono le indicazioni su come raggiungere la Theresienwiese con la linea U4 della metropolitana. In alternativa si possono utilizzare le vicine stazioni di Schwanthalerhöhe (U5), Goetheplatz (U3) o Poccistrasse (U6).

Meglio arrivare presto, non dopo le 14 se volete trovare qualche posto a sedere, anche perché nei weekend si registra, ovviamente, il più alto numero di visitatori. Per quanto riguarda l’alloggio, vista la difficoltà di trovare un posto in albergo, potreste provare a cercare una stanza con Wimdu, una piattaforma che offre alloggi economici in tutto il mondo affittati direttamente dai privati, e che permette di vivere un’esperienza di pernottamento alternativa a quella tradizionale.

Se siete pronti a partire O’Zapft is! [La botte è spillata!] e che la festa prosegua. (01/10/2012)

 

Info: www.oktoberfest.de

© RIPRODUZIONE RISERVATA