Lunedì 15 Luglio 2024 - Anno XXII

Salentini, guida per un turista frettoloso

SALENTINI. Guida ai migliori difetti e alle peggiori virtù di Piero Manni, Sonda Edizioni, pagine 128 di cui 16 di foto, euro 12,00. ” width=”168″ height=”270″>SALENTINI. Guida ai migliori difetti e alle peggiori virtù di Piero Manni, Sonda Edizioni, pagine 128 di cui 16 di foto, euro 12,00. Un viaggio nel Salento delle innovazioni e delle superstizioni proposto con amore e tanta ironia. La storia del territorio, la natura del paesaggio, le tradizioni di ieri e le attività del presente di una delle regioni più splendide d’Italia, la Puglia. Una terra come la descrisse Salvatore Quasimodo “spaccata dal sole e … Leggi tutto

Salentini, guida per un turista frettolosoSALENTINI. Guida ai migliori difetti e alle peggiori virtù

di Piero Manni, Sonda Edizioni, pagine 128 di cui 16 di foto, euro 12,00.

” width=”168″ height=”270″>
SALENTINI. Guida ai migliori difetti e alle peggiori virtù

di Piero Manni, Sonda Edizioni, pagine 128 di cui 16 di foto, euro 12,00.

Un viaggio nel Salento delle innovazioni e delle superstizioni proposto con amore e tanta ironia. La storia del territorio, la natura del paesaggio, le tradizioni di ieri e le attività del presente di una delle regioni più splendide d’Italia, la Puglia. Una terra come la descrisse Salvatore Quasimodo “spaccata dal sole e dalla solitudine, dove l’uomo cammina sui lentischi e sulla creta. Scricchiola e si corrode ogni pietra da secoli… Qui cresce tra le spighe di grano e le foglie del tabacco la superstizione, il terrore, l’ansia di una stregoneria possibile, domestica”.
In questa guida l’autore ha fotografato il carattere autentico di un popolo ricco di contraddizioni e propone 11 insoliti itinerari turistici.

I Salentini sono ufàni, quasi tutti, e la peculiarità più propria del loro carattere è l’ufanerìa. La parola proviene, dallo spagnolo ufano, orgoglioso, e ufanerìa significherebbe dunque orgoglio. In primo luogo, l’ufanerìa è l’eccessiva autostima dei Salentini, i quali credono di saper tutto e di saper fare tutto; chiedete a uno di loro la strada più breve o più veloce per raggiungere Cannole, o Morigine: a meno che non viva vicino a una di quelle località, il vostro interlocutore quasi sicuramente non è in grado di rispondervi correttamente, e ciononostante vi erudirà in maniera precisa e rassicurante sul percorso; se la stessa domanda ponete a un secondo indigeno, troverete la stessa rassicurante precisione e una indicazione diversa.

I Salentini sono ufàni in virtù dell’alta considerazione che hanno di sé. L’ufanerìa è poi l’ostentazione esagerata o delle proprie ricchezze o del proprio potere o delle proprie qualità e, soprattutto, delle proprie amicizie. I Salentini sono saccenti, millantatori, spocchiosi, megalomani, vanitosi, ufàni insomma, e perciò gran bella gente: il viaggiatore verrà subito coinvolto, incluso in questa grande, enfatica e ampollosa placenta di sicurezza, e si sentirà come a casa propria.

LEGGI ANCHE  La Magica Terra di Kalevala
Condividi sui social: