Lunedì 22 Luglio 2024 - Anno XXII

Eleonas, nella Grecia ‘minore’

Quella dei luoghi fuori rotta, quindi migliori, per assaporare il paesaggio, il mare, la cultura, il contatto con la gente. Senza trascurare comodità accessibili

Eleonas, nella Grecia 'minore'

Gialova è un micropaesino che si affaccia impavido sul golfo di Navarino, in Messenia. Poche colline di ulivi e un lungomare di poche centinaia di metri, costellato di localini affettuosi con le tovaglie a righe e le sedie di legno colorato e paglia. Ci sono stata vent’anni fa, ci sono tornata ed era tutto come allora, il che è da considerarsi di per sé una grande virtù.

I turisti sono per lo più anglofoni, essendo questa zona prediletta da tale genia. C’è anche qualche tedesco. Gli italiani a quanto pare preferiscono le isole dell’Egeo. Sulla collina dietro la via della movida di Gialova c’è Eleonas, un piccolo villaggio di villini di pietra ben mimetizzati tra gli ulivi. Le casette sono dotate in stanze luminose e terrazze con una favolosa vista mare. Molte di loro dispongono anche di una piccola ma confortevole piscina privata, lusso accessibile, perché i prezzi non sono proibitivi, soprattutto a maggio e settembre, mesi ideali per concedersi una settimana in Peloponneso.

Lusso ‘comodo, semplice’. Perfetto

Eleonas, nella Grecia 'minore'

Alzarsi la mattina, uscire sulla terrazza per godere di una vista impareggiabile e poi fare prima di colazione un tuffo in piscina protetti da alberi secolari è qualcosa che rigenera davvero, che riconcilia con il mondo. Qui la Grecia dà il meglio di sé, in tranquillità, caldo, bellezza e dolcezza degli abitanti. Dopo il bagno in piscina e la colazione si può andare in una delle meravigliose spiagge della zona oppure partire per una gita in qualche sito archeologico. Le opzioni non mancano. La sera, dopo aver goduto del tramonto dalla terrazza, si scende a piedi nei localini di cui sopra (ci vogliono pochi minuti, si salta giù dalla collina e si è subito sul mare) e la vacanza è servita. Così semplice e così perfetta come uno sempre vorrebbe e non sempre trova, gustosa ed essenziale come un souvlaki con insalata greca. Una vacanza con confort armonizzati nell’ambiente, non troppo spartana ma nemmeno inutilmente lussuosa. Una vacanza ‘messenica’, insomma, che in questi tempi si addice a tutti e che non è un accontentarsi, ma una riscoperta del bello senza fronzoli, di qualcosa di ancestrale che fa bene all’anima.

LEGGI ANCHE  Il festival della natura nelle "Terre di Faenza"

Per informazioni: www.eleonas.com

Condividi sui social: