Giovedì 25 Luglio 2024 - Anno XXII

Rivedere Renoir

Renoir, Jeune fille au chapeau noir a fleurs rouges, 1890 circa La Fondazione Pierre Gianadda di Martigny, in Svizzera, ha inaugurato pochi giorni fa la mostra dedicata a Pierre Auguste Renoir. Fino al 23 novembre, la rassegna Revoir Renoir, rivedere Renoir, presenta il grande maestro della pittura francese dell’Ottocento con occhi nuovi. In un corpus di circa cento opere, uno dei padri storici di quella “rivoluzione della luce” che fu l’impressionismo viene ricordato per il suo lavoro come ritrattista. I musei prestatori sono diversi e comprendono molte istituzioni internazionali e collezioni svizzere. Il Petit Palais di Parigi e la Fondazione … Leggi tutto

Renoir, Jeune fille au chapeau noir a fleurs rouges, 1890 circa
Renoir, Jeune fille au chapeau noir a fleurs rouges, 1890 circa

La Fondazione Pierre Gianadda di Martigny, in Svizzera, ha inaugurato pochi giorni fa la mostra dedicata a Pierre Auguste Renoir. Fino al 23 novembre, la rassegna Revoir Renoir, rivedere Renoir, presenta il grande maestro della pittura francese dell’Ottocento con occhi nuovi. In un corpus di circa cento opere, uno dei padri storici di quella “rivoluzione della luce” che fu l’impressionismo viene ricordato per il suo lavoro come ritrattista.

I musei prestatori sono diversi e comprendono molte istituzioni internazionali e collezioni svizzere. Il Petit Palais di Parigi e la Fondazione Gianadda stessa concedono in visione due sculture: la Vénus Victrix e La grande laveuse accroupie. Renoir è meno noto per il suo lavoro di scultura monumentale e le due opere raramente figurano in esposizioni al pubblico.

Per il resto, si ritroveranno in mostra le atmosfere raffinate e ammalianti della Parigi di fine Ottocento, i volti e le figure raffinate della borghesia cittadina, i colori brillanti e sapientemente scelti dell’artista. Daniel Marchesseau, Conservateur général honoraire du Patrimoine, è curatore della mostra.

Info: www.gianadda.ch

(02/07/2014)

LEGGI ANCHE  Pasqua, Confesercenti: "Partono più italiani ma ridotti spesa e giorni"
Condividi sui social: