Sabato 18 Maggio 2024 - Anno XXII

Palermo apre le sue porte

Porta Felice sarà visitabile, in via straordinaria e nei fine settimana, anche internamente per tutto il corrente mese di ottobre. Nell’ambito della manifestazione Le Vie dei Tesori, e grazie alla disponibilità e cortesia dello staff de gli Amici dei Musei Siciliani, si potranno conoscere gli ambienti interni e, soprattutto, le eccezionali vedute dalla terrazza della Porta sulla città e sul golfo di Palermo. Per trecento anni Porta Felice è stata protagonista della vita palermitana. Attraverso il suo varco sul mare passarono memorabili processioni, incluso il carro trionfale di Santa Rosalia. Da lì passavano carrozze dirette alla celebre passeggiata della Marina … Leggi tutto

Palermo apre le sue porte

Porta Felice sarà visitabile, in via straordinaria e nei fine settimana, anche internamente per tutto il corrente mese di ottobre. Nell’ambito della manifestazione Le Vie dei Tesori, e grazie alla disponibilità e cortesia dello staff de gli Amici dei Musei Siciliani, si potranno conoscere gli ambienti interni e, soprattutto, le eccezionali vedute dalla terrazza della Porta sulla città e sul golfo di Palermo.
Per trecento anni Porta Felice è stata protagonista della vita palermitana. Attraverso il suo varco sul mare passarono memorabili processioni, incluso il carro trionfale di Santa Rosalia. Da lì passavano carrozze dirette alla celebre passeggiata della Marina che tanto fece fantasticare l’inglese Patrick Brydone.

La decisione della sua costruzione fu presa dopo il prolungamento a mare del Cassaro, avvenuto nel 1581, sotto il vicerè Marcantonio Colonna, ma la costruzione cominciò solo nel 1602 ad opera dell’architetto senatoriale Mariano Smiriglio e completata quarant’anni dopo.
La porta fu dedicata a donna Felice Orsini, moglie del vicerè. Alla morte di Smiriglio, l’opera fu completata da Pietro Novelli e Vincenzo Tedeschi. Il fronte a mare, tutto di pietra grigia, con due piloni, presenta fontane, statue e in cima, l’aquila senatoriale.
Durante la seconda guerra mondiale il pilone destro fu abbattuto dalle bombe alleate insieme al palazzotto Santocanale e all’ospedale di S.Bartolomeo. Maestranze estremamente abili ricostruirono fedelmente il pilone pochi anni dopo. Il monumentale edificio del Cassaro, ospita oggi gli uffici del Nucleo Tutela Patrimonio Artistico del Comune di Palermo.

(09/10/2014)

LEGGI ANCHE  Paestum tra archeologia e turismo
Condividi sui social: