Martedì 16 Aprile 2024 - Anno XXII

Il Natale di Milano nel segno di Raffaello

La Madonna Esterházy di Raffaello Il Comune di Milano rinnova anche quest’anno l’appuntamento con i capolavori d’arte. Dal 3 dicembre 2014 all’11 gennaio 2015, nella Sala Alessi a Palazzo Marino, la cinquecentesca sede del Comune di Milano, sarà ospitata la Madonna Esterházy di Raffaello, splendida opera del genio del Rinascimento proveniente dal Museo delle Belle Arti di Budapest (Szépm?vészeti Múzeum). Promossa dal Comune di Milano, Intesa Sanpaolo e la Rinascente, l’iniziativa è realizzata da Palazzo Reale e dal Museo delle Belle Arti di Budapest in collaborazione con le Gallerie d’Italia di Piazza Scala, curata da Stefano Zuffi e organizzata con … Leggi tutto

La Madonna Esterházy di Raffaello
La Madonna Esterházy di Raffaello

Il Comune di Milano rinnova anche quest’anno l’appuntamento con i capolavori d’arte. Dal 3 dicembre 2014 all’11 gennaio 2015, nella Sala Alessi a Palazzo Marino, la cinquecentesca sede del Comune di Milano, sarà ospitata la Madonna Esterházy di Raffaello, splendida opera del genio del Rinascimento proveniente dal Museo delle Belle Arti di Budapest (Szépm?vészeti Múzeum).

Promossa dal Comune di Milano, Intesa Sanpaolo e la Rinascente, l’iniziativa è realizzata da Palazzo Reale e dal Museo delle Belle Arti di Budapest in collaborazione con le Gallerie d’Italia di Piazza Scala, curata da Stefano Zuffi e organizzata con la collaborazione di Arthemisia Group. Il dipinto raffigura la Madonna col Bambino e san Giovannino e segna esattamente la conclusione del fondamentale periodo trascorso da Raffaello a Firenze, prima di essere chiamato a Roma da Papa Giulio II.

L’esposizione sarà corredata da un catalogo edito da Skira. L’ingresso alla Sala Alessi e le visite guidate alla mostra sono gratuite. I visitatori saranno ammessi alla mostra in gruppi, accolti da storici dell’arte di Civita, gestore museale delle Gallerie d’Italia, che faranno da guida al percorso espositivo. Le scuole potranno prenotare la visita guidata al numero 800-16-76-19.

(10/11/2014)

LEGGI ANCHE  I "murales" di Dozza
Condividi sui social: