Martedì 18 Giugno 2024 - Anno XXII

Poesia, musica e sapori sui Monti Sibillini

A oltre duemila metri sull’Appennino marchigiano nell’antro della maga Sibilla. Tra i boschi di acero dove il legno diventa musica ad ascoltare il Troubadour Marco Renzi e il Quartetto d’Archi rappresentare favole e romanzi cavallereschi.

Pietro Castelli e il Quartetto d’Archi

Il legno si fa musica
Il legno si fa musica

Più sussiegosa e meno bucolica del renziano Guerin (sfido, io: si era nell’ex chiesa di San Biagio nell’edificio del museo Sistino, appena dentro le mura di Roccafluvione) il Concerto d’Archi del Quartetto Castelli, laddove quest’ultimo non solo toca eccellentemente il violino ma è pure sapiente liutaio. E Piero Castelli intriga assai durante una conferenza al termine della quale so che: il “Legno che diventa Musica” è soprattutto quello dell’acero e quanto al prezzo di un violino si va dai 100  euro di quelli cinesi scafessi  ai 6/7000 di un superviolino la cui manifattura – lui non ne produce più di tre all’anno – richiede almeno quattro mesi tra essiccamento, limature, vernici ecc. ecc. E brava la Sonia/Elabora, mi vien da pensare mentre lascio Montemonaco, beninteso previo doveroso shopping alla Macelleria Corona, produttrice diretta di Lonza (lo spagnolo Lomo ahinoi poco gustato in Italia), Lonzino, Guanciale (da ‘ste parti Amatriciana docet), Cacciatorini piccanti (Un peu de jeunesse…) e per finire (e vabbè, faccio le corna a Zibello, ma non ne uccide più la gola che la spada?) un signor Culatello.

La gastronomia di Roccafluvione

Roccafluvione
Roccafluvione

Ma mica son così allocco da scappare subito dalle Marche senza un salto a Roccafluvione laddove dapprima passo a salutare Donna Rosa (due belle dozzine di Olive all’Ascolana da lei sapientemente scolpite) eppoi procedo a notturna digestione nel bell’Agriturismo La Collina del Tartufo, dalla piscina cui un turista unno od ostrogoto ammira dolci colline sorseggiando un buon rosso e si chiede se per caso è finito in paradiso.
Addio, anzi, arrivederci Marche, proseguo (e mi affretto a confermare all’avido lettore che narrerò anche queste mie gloriose gesta cultural – palatali) verso l’Umbria e poi la Romagna degli a me cari Dolcini indi la ‘quasi Toscana’ della Lucchesia. Che altro aggiungere, se non che, nella vita, anche i Valori dello Spirito non sono poi da buttar via?

LEGGI ANCHE  Natura e cultura tra le Rocche di Caterina Sforza

Prima parte dell’aticolo: Un viaggio (stavolta sibillino) nelle Marche

Condividi sui social: