Mercoledì 24 Aprile 2024 - Anno XXII

Expo 2015: un cucchiaio blu contro la fame nel mondo

L’Organizzazione delle nazioni Unite sarà presente all’Esposizione Universale di Milano con una presenza capillare all’interno dell’area espositiva

Expo 2015: un cucchiaio blu contro la fame nel mondo

L’ONU partecipa per la prima volta a un’Esposizione Universale proponendosi con un modello innovativo: non avrà un Padiglione dedicato, ma una presenza capillare sul sito espositivo: il cucchiaio blu.

Si tratta di 18 grandi installazioni a forma di cucchiaio, blu come la bandiera delle Nazioni Unite, delineano il percorso delle Nazioni Unite all’interno dell’area espositiva, definendo un vero e proprio itinerario nel sito grazie al quale diffondere il messaggio chiave della “Sfida Fame Zero“, lanciata nel 2012 dal Segretario Generale Ban Ki-Moon: “la fame può essere eliminata nell’arco della nostra vita”. Le 18 installazioni multimediali racconteranno i 5 grandi pilastri su cui si fonda questa sfida: zero bambini con deficit di sviluppo sotto i due anni; 100% accesso a cibo adeguato, sempre; tutti i sistemi alimentari sostenibili; 100% aumento della produttività e del reddito dei piccoli agricoltori; zero perdite o sprechi di cibo.

Con il cucchiaio si porrà particolare attenzione anche all’empowerment delle donne e alla parità di genere.

Contribuire alla lotta per la fame nel mondo

Il cucchiaio blu
Il cucchiaio blu

Attraverso video, foto, infografiche e mappe, le installazioni mostreranno cosa l’ONU fa quotidianamente per ridurre il disequilibrio nell’accesso alle risorse alimentari per i popoli del mondo e garantire un futuro sostenibile al pianeta. I “cucchiai blu” daranno vita a un percorso educativo e interattivo, grazie al quale le Nazioni Unite dimostreranno ai visitatori come chiunque possa contribuire in modo fattivo alla lotta alla fame nel mondo e come questo obiettivo possa  essere raggiunto lavorando tutti insieme.

Il prototipo del cucchiaio blu è stato presentato, in anteprima, nel corso della Seconda Conferenza Internazionale sulla Nutrizione (ICN2) promossa dalla FAO e OMS e svoltasi a Roma. Il taglio del nastro è avvenuto alla presenza di José Graziano da Silva, Direttore Generale della FAO, Maurizio Martina, Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali del Governo Italiano, Eduardo Rojas, Commissario Generale delle Nazioni Unite per Expo Milano 2015, e Roberto Arditti, Direttore Affari Istituzionali di Expo 2015 S.p.A.

LEGGI ANCHE  Expo 2015: l'Angola tra educazione e innovazione

“Le sfide sulla nutrizione discusse durante ICN2 sono direttamente collegate con l’ambiziosa Sfida Fame Zero che proporremo ai visitatori di Expo Milano 2015”, ha detto  Eduardo Rojas-Briales. “Obiettivo della nostra partecipazione è far sì che nel grande racconto sul cibo non si dimentichi di menzionare lo scandalo degli 805 milioni di persone che ancora oggi soffrono la fame”.

Condividi sui social: