Mercoledì 21 Aprile 2021 - Anno XIX
Ginevra la storia continua

Ginevra la storia continua

Il Salone di Ginevra è il più antico Salone Automobilistico del mondo. L’edizione di quest’anno ha festeggiato 110 anni. La case automobilistiche hanno presentato modelli con una forte personalizzazione sugli allestimenti. Rivisitati modelli storici con un sguardo alle tendenze del futuro

Il Salone di Ginevra si è tenuto la prima volta nel 1905 ed è il più antico Salone Automobilistico del mondo: un Salone che è una vera e propria antologia della storia dell’auto. Come ogni anno moltissime le novità presentate da parte delle case automobilistiche partecipanti. Quest’anno è stata data particolare attenzione alla presenza di utilitarie ad elevato grado di elaborazione e personalizzazione.

BMW: Mini Countryman Park Lane. La Mini (il marchio di BMW) ha presentato la Countryman Park Lane, che abbina le caratteristiche della Countryman con soluzioni stilistiche e cromatiche particolari, come l’originale tinta Earl Grey metallizzato con elementi quali il tetto e gli specchietti retrovisori esterni in tinta Oak Red. A richiesta, la vettura può essere fornita con strisce di gusto più sportivo. Altri elementi che caratterizzano l’allestimento Park lane sono i cerchi “Turbo” da 18″, la grembualatura anteriore e posteriore e i longheroni laterali sottoporta in tinta argento, gli stemmi laterali, l’indicazione “Park Lane” sui battitacco, i rivestimenti dell’abitacolo e gli inserti Colour Carbon Black ai pannelli porta e alla consolle centrale. Numerosi gli accessori disponibili che consentono di personalizzare la vettura: la trazione integrale nell’esclusivo sistema “All4” e una serie di “pacchetti” quale il  “Chili” che comprende fendinebbia a Led e indicatori di direzione bianchi, sedili anatomici in stoffa e pelle, climatizzatore automatico, “Sport Button”, volante sportivo in pelle con tasti multifunzione, tappetini in velluto, pacchetto portaoggetti e pacchetto illuminazione.

Fiat 500 Vintage ’57. Fiat (gruppo FCA) ha voluto rendere omaggio alla Fiat 500 presentata a Torino il 4 luglio del 1957 con una versione speciale della attuale 500, la Vintage ’57, che si caratterizza da dettagli estetici che richiamano il passato. La livrea azzurro pastello è abbinata al colore bianco del tetto, dello spoiler, dell’antenna e degli specchietti esterni, mentre i cerchi in lega da 16 pollici bianchi con inserti cromati come la calotta con il logo Fiat richiamano quelli montati sulla storica 500. I richiami al passato sono anche nell’abitacolo: plancia personalizzata in bianco, raffinati sedili in pelle Frau color tabacco con inserti “a mezzaluna” (stilema del modello) in pelle avorio impreziositi dai  ricami “500” in tinta tabacco. I loghi Fiat storici sono presenti sia all’esterno che sul volante della vettura.

Fiata Panda veste K-Way. La  versione speciale della citycar è nata dalla collaborazione tra Fiat e il celebre marchio di abbigliamento specializzato nei capi antipioggia. La versione speciale permette, grazie all’incrocio tra le tinte della carrozzeria e gli elementi esterni (calotte e coprimozzo), 20 diverse combinazioni cromatiche. All’esterno troviamo alcuni componenti in color titanio, come ad esempio la barra frontale porta logo, le barre longitudinali e le calotte degli specchietti mentre gli sticker K-Way sono presenti sulle porte posteriori e sui coprimozzo. Il  “Visibag”, il giubbino ad alta visibilità creato ad hoc per la Panda K-Way, è ospitato nelle due tasche poste sugli schienali dei sedili anteriori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA