Lunedì 24 Febbraio 2020 - Anno XVIII
Fa’ la cosa giusta: fiera del consumo critico e del turismo slow

Fa’ la cosa giusta: fiera del consumo critico e del turismo slow

A Milano, dal 18 al 20 marzo, l’esposizione apre le porte a proposte di stili di vita alternativi che non dimenticano l’arte del viaggiare. Ma in modo lento e con attenzione all’ambiente e alla responsabilità sociale

Fa la cosa giusta logoFa’ la cosa giusta, fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili, è attesa da venerdì 18 a domenica 20 marzo a Milano, negli spazi espositivi di Fiera Milano City. La tredicesima edizione dell’evento si preannuncia ricca di proposte che vanno dai laboratori di cucina al turismo lento. Nei padiglioni 3 e 4 della vecchia fiera, quella, per intenderci, che si raggiunge dalla fermata Portello della linea metropolitana Lilla, l’orizzonte che copre quanto viene considerato, oggi, come segno di “acquisto responsabile” è larghissimo. Vi si trovano i prodotti dell’alimentazione biologica; la moda etica, servizi per la mobilità a basso impatto ambientale, proposte per l’abitare sostenibile.
I fedelissimi andavano una volta a Fa’ la cosa giusta per acquistare i prodotti del commercio equo e solidale: oggi ci portano i bambini, li lasciano negli spazi dedicati a giochi e laboratori, imparano a produrre i detersivi in casa o a cucinare vegano.

cosa giusta standLa fiera del consumo “alternativo” non può trascurare il mondo del turismo: le proposte sono molte e gli espositori si muovono su diversi fronti. C’è il turismo lento, che ama la natura, anche nella stagione invernale, vista con ciaspole e sci di fondo ai piedi: è il tema dell’incontro con gli esperti di Legambiente, sabato pomeriggio.
Il viaggio “slow” per eccellenza, nel 2016, è camminare. L’occasione è l’anno nazionale dei Cammini e il Giubileo straordinario e in fiera è possibile avere informazioni sui 6.600 metri di sentieri italiani che possono percorrere i pellegrini. Regione Lazio presenterà il Cammino di San Benedetto, tra Subiaco e Montecassino; presso gli spazi dedicati alla Toscana si potrà sapere qualcosa di più sulla via Francigena. Curiosità: regione Umbria annuncia il progetto Via di Francesco Pet Friendly, per richiamare i turisti che amano gli animali.

cosa giusta turismo slowTurismo slow è anche viaggiare in bicicletta, fare trekking urbano, anche nei Borghi Autentici d’Italia o presso le Catacombe di Napoli, con percorsi mirati per chi ha esigenze speciali. Le opzioni per adottare, anche nel turismo, uno stile di vita più consapevole, attento ai rischi ambientali e lontano dalle mete più gettonate si moltiplicano. Il messaggio di Fa’ la cosa giusta è uno: basta cercarle.
Per maggiori informazioni: www.falacosagiusta.org

© RIPRODUZIONE RISERVATA