Domenica 22 Maggio 2022 - Anno XX
Montagne della Patagonia (Ph Ermanno Salvaterra)

Montagne della Patagonia (Ph Ermanno Salvaterra)

Patagonia: una passione ai confini del mondo

Ermanno Salvaterra, alpinista, scalatore, montanaro, è conosciuto anche come “L’uomo del Torre”. Nelle pagine di “Patagonia, il grande sogno”, edito da Mondadori Electa, il grande scalatore ripercorre le tappe salienti della sua avventura in Patagonia.

Patagonia il grande sogno coverIl volume Patagonia, il grande sogno, sottotitolo, Io e il Cerro Torre: una passione ai confini del mondo, è la storia d’amore instaurata tra l’autore, Ermanno Salvaterra, e le montagne della Patagonia. Salvaterra è conosciuto anche come “l’uomo del Torre”. Egli ha scalato più volte il Cerro Torre, aprendo nuove strade. Reinhold Messner, nella Prefazione, la definisce “la montagna tra le più belle e più difficili della Terra”.

Il primo tentativo di Ermanno Salvaterra risale al 1982; la prima ascensione invernale è del 1985. Ha attacco le pareti sud e est fino all’impresa del 2005. Una esperienza e una vita spesa per la montagna. Un luogo dove le parole sono spesso ridotte all’osso. Come dice l’autore, “le parole della montagna sono il freddo, la neve, il ghiaccio, il rumore del vento che sferza i teli della tenda”.

Patagonia, il grande sogno

Ermanno Salvaterra sulla montagna in Patagonia

Ermanno Salvaterra sulla montagna in Patagonia

Nelle pagine di Patagonia, il grande sogno, il grande scalatore ripercorre le tappe salienti della sua avventura patagonica e racconta in presa diretta le sue ascensioni più importanti sul Cerro Torre. Eppure, questo non è solo un libro di montagna. È un viaggio nell’animo di un uomo guidato da un’incessante ricerca della bellezza. Una ricerca fatta di interminabili attese in parete, di speranze e delusioni, di gioie per la vetta raggiunta e di sconforto per un tentativo fallito.

Patagonia-Ermanno-Salvaterra-in-scalata

Ermanno Salvaterra in arrampicata

Lì, tra il granito verticale del “Grido di pietra”, tra il vento sferzante e il gelo della tormenta, Salvaterra è stato capace di trovare un senso alle cose. Egli ha dilatato il tempo donandogli un valore nuovo. Perché, per lui, in ogni arrampicata in quella terra magica ai confini del mondo non c’è solo il sapore della sfida e dell’impresa.  C’è anche la vertigine della scoperta e l’incanto di fronte alla maestosa grandezza della natura. Per questo motivo la sua storia, in un modo o nell’altro, riguarda tutti noi. Nessuno escluso. Il testo in questo libro è abbondantemente illustrato con splendide foto. Molto belle anche le citazioni nelle diverse sezioni.

Patagonia il grande sogno di Ermanno Salvaterra, a cura di Mattia Fabris con la prefazione di Reinhold Messner – Mondadori Electa (f.to 17 x 24 cm), pagine 224 € 24,90.

Autore

Ermanno Salvaterra, tra gli alpinisti più noti a livello internazionale, ha legato la sua fama alla Patagonia e in particolare al Cerro Torre, una delle montagne più affascinanti e difficili da scalare.

Leggi anche:

In giro per il mondo: una guida irriverente e particolare

Ingredienti per una vita di formidabili passioni

La Cala. Cento giorni nelle prigioni libiche

© RIPRODUZIONE RISERVATA