Domenica 22 Maggio 2022 - Anno XX
Vigneti del nobile vino di Montepulciano

Vigneti del nobile vino di Montepulciano

Montepulciano: andar per “nobili” vini

L’ideale armonia rinascimentale delle architetture nelle Terre di Siena sposa l’eccellenza dei grandi vini di Montepulciano.

Vino nobile Montepulciano

Vino nobile Montepulciano

Se tutta la Toscana è un sogno di armonia e di bellezza, ci sono alcuni luoghi della regione più simbolici di altri. Senza costruire impossibili gerarchie, si possono ad esempio scegliere le Terre di Siena come vertice del rapporto perfetto tra cultura e natura, tra città e campagna. Quel rapporto perfetto che non a caso Ambrogio Lorenzetti aveva immortalato nel suo affresco del Buon Governo, più che un dipinto, un vero manifesto politico, nel Palazzo Comunale di Siena.

Oliveti, vigneti, poggi, calanchi, crete, corsi d’acqua, torri merlate e fortezze in cima alle alture, filari di cipressi che disegnano i fianchi delle colline. È quel famoso paesaggio ordinato e perfetto, non a caso tutelato anche dal patrimonio Unesco. Paesaggio dai colori morbidi e sfumati, tra l’arancione, il bruno, il rosso cupo, che nella tavolozza si chiamano proprio Terra di Siena.

Montepulciano tra l’Orcia e il Chiana

Palazzo del Capitano Montepulciano-(SI)

Palazzo del Capitano Montepulciano con il pozzo dei Grifi e dei Leoni (Ph. Valeri Rossano)

Qui un luogo è ancora più iconico è Montepulciano, un gioiello posto a spartiacque tra l’Orcia e il Chiana, sdraiato lungo un crinale alto e ventoso. Cieli azzurri dunque, spazzati dal vento, che fanno brillare le linee nette di palazzi imponenti costruiti da una ricca borghesia mercantile, agricola e manifatturiera. La piazza Grande è scandita dalla Cattedrale, nuda esternamente, ma possente all’interno, con i suoi enormi pilastri, le volte, la grande cupola, i capolavori d’arte.

Montepulciano lunettaTanto altro c’è da visitare e da scoprire, come il palazzo Contucci, costruito su progetto di Antonio da Sangallo il Vecchio; il bellissimo Palazzo Nobili-Tarugi con un imponente portico ad archi a tutto sesto, semicolonne di ordine ionico e alti piedistalli.
In questa terra si respira ancora l’eleganza della corte di Lorenzo dei Medici, del suo nume tutelare, il poeta Agnolo Poliziano, grande umanista precettore dei giovani nobili. E, anche se tanti secoli sono passati, qui sembra ancora di respirare quella stessa cultura del ben vivere, fatta di paesaggio, sapienza, arte, nobili sentimenti.

Vino Nobile di Montepulciano

Vigneti a Montepulciano

Vigneti sulle livi collina di Montepulciano

La strada del Vino Nobile e dei sapori di Montepulciano è un incanto di luce. Un bellissimo territorio che produce un vino di eccezionale pregio che fanno apparire questa terra quasi come “privilegiata”. Dal colle dove si stende la città, lo sguardo spazia su vigneti a perdita d’occhio. Perché a Montepulciano, oltre ad arte e architettura, la grande attrazione è il vino. Il Nobile di Montepulciano, definito dal medico naturalista e letterato Francesco Redi nel ‘600 “di ogni vino il re”, blasonato e antichissimo, documentato fin dal 789. Al fresco delle mura delle cantine riposa il rubino di questa terra: il Vino Nobile di Montepulciano, primo rosso italiano a potersi fregiare del sigillo di qualità DOCG sin dal 1980.

Il Podere Casanova

Montepulciano Podere Casanova

Podere Casanova

Imperdibile, per degustare il Nobile di Montepulciano, una sosta al Podere Casanova. Siamo nella quiete più piacevole della Val di Chiana, con i vigneti che sconfinano nel bosco, la cantina con una grande sala degustazione con terrazzo. Dietro il Podere c’è una bella storia. Isidoro e Susanna Rebatto sono una coppia di imprenditori veneti che si sono innamorati delle “terre poliziane”. Hanno acquistato la tenuta ridadole nuova vita. Un’impresa che esalta le affinità elettive tra la loro terra d’origine, il Veneto, e quella d’elezione, la Toscana.

Qui i valori sono forti e semplici insieme: tutela del paesaggio, attenzione allo spreco di risorse, sostenibilità. Dopo la costruzione della nuova cantina e i lavori radicali in campagna, l’acquisto di nuovi vigneti e il reimpianto di altri. Oggi Podere Casanova è conosciuto per l’assoluta qualità dei suoi vini e della sua accoglienza. Portabandiera dell’azienda è il Vino Nobile di Montepulciano. Vino declinato anche nella selezione in purezza Nobile Settecento e nel Nobile Riserva, e racchiuso anche in preziosi grandi formati, Magnum e Golia.

L’agriturismo e le mille escursioni

Nobile vino Podere Casanova

Etichette dei vini del Podere Casanova

Le degustazioni però si apprezzano meglio godendo il territorio. Il suggerimento è quello di trascorrere un intero week end nel piccolo e accogliente agriturismo inserito nel Podere. Sono tre appartamenti indipendenti, Girasole, Glicine e Vigna, ricavati da quella che era un tempo la vecchia cantina. L’arredamento è in stile country chic. Sono accoglienti edotati di ogni comfort, perfetti per relax e itinerari culturali.

Mille le possibilità di escursioni organizzate per gli ospiti di Casanova: visite in cantina con degustazioni guidate, passeggiate con pic nic fra le vigne, romantiche cene fra i filari, corsi di cucina, in cui si impara anche il corretto accompagnamento cibo-vino. E poi, ancora più ad ampio raggio, tour in Vespa alla scoperta della Val d’Orcia e dei suoi piccoli borghi medievali e del lago Trasimeno, passeggiate guidate a cavallo, visite a Riserve Naturali, escursioni in bicicletta. Un suggerimento in più? Con Civitatis si possono fare escursioni in tutto il territorio della Val di Chiana.

www.civitatis.com/it/siena/escursione

www.consorziovinonobile.it

www.poderecasanovavini.com

www.valdichianaliving.it

Leggi anche:

Torino: peccati di gola!

Mondi e vite parallele ai nostri giorni tra vino e birra

Merletti dauni: Troia e Orsara di Puglia

© RIPRODUZIONE RISERVATA