Giovedì 22 Febbraio 2024 - Anno XXII

Tihany la bellezza sul “mare d’Ungheria”

Lago Balaton abbazia Benedettina Tihany

Viaggio sul Lago Balaton il più grande dell’Europa centrale. Visita a Tihany dove c’è l’eco della principessa e l’antica abbazia benedettina, costruita nel 1055, uno dei luoghi santi d’Ungheria.

In Ungheria, a circa 100 chilometri a sudovest di Budapest, si trova il Lago Balaton, il più grande dell’Europa Centrale. Incanta non solo per le spettacolari dimensioni ma per le attrazioni e le bellezze disseminate lungo il periplo. Le misure, infatti, sono da record per un lago. Facciamo un confronto con quelle del Lago di Garda, il maggiore in Italia.

Lago Balaton a confronto col Garda
Cartina del Lago Balatom in Ungheria
Cartina del Lago Balatom in Ungheria

Il lago Balaton è lungo 77 chilometri e ricopre una superficie di 600 Km quadrati e 197 chilometri di costa. La sua profondità media di 3 metri fino a un massima di 11 in prossimità della penisola di Tihany. Il Garda, invece, è lungo 52 chilometri con una superficie di 370 km quadrati e un periplo costiero pari a 162 chilometri. La profondità massima è di 346 metri.

Il Balaton, che si trova al centro della regione Transdanubiana, è un lago di origine vulcanica formatosi per erosione delle barriere naturali a causa del vento dando origine al bacino lacustre, tanto amato dagli ungheresi che lo chiamano mare magiaro o mare d’Ungheria.

Curiosità e bellezze vicine al “mare d’Ungheria”
Penisola Tihany  ripresa col drone
La Penisola di Tihany ripresa col drone (ph. Inritter)

Il lago incontra i favori dei turisti in quanto la temperatura dell’acqua, in estate oscilla tra i 20 e i 26 gradi, adatta alla balneazione e ritrovare un po’ di refrigerio. Lungo le rive del Balaton incontriamo spiagge verso il sud, scogliere a nord, stazioni termali, stupendi villaggi tra cui Balatonfured, Tihany e Keszthely.

Tra le destinazioni più ambite vi è Tihany, cittadina adagiata sulla penisola omonima situata sul versante settentrionale del Balaton. Spettacolare sia per la posizione panoramica che per le caratteristiche case dove sembra essersi fermato il tempo. Il luogo evoca i villaggi raccontati nelle fiabe. Le case sono dipinte di bianco calce e coperte da tetti di paglia molto spioventi i cui muri esterni sono decorati con ceramiche, oppure con fiori di lavanda molto profumati.

LEGGI ANCHE  Le finestre di Venezia
L’Abbazia benedettina di Tihany
Ungheria Facciata abbazia di Tihany
Facciata dell’Abbazia di Tihany (ph. Christo)

Situata su una rupe a precipizio, si trova l’antica abbazia benedettina, costruita nel 1055. Rimase danneggiata per molto tempo, a causa delle incursioni barbariche e restaurata in stile barocco nel 1700. All’interno vi sono antichi affreschi realizzati da artisti famosi, statue in legno e altari lignei.

All’esterno completano la struttura due campanili barocchi che terminano con una cupola “a cipolla” caratteristica dell’architettura ortodossa. L’ Abbazia benedettina di Tihany è uno degli antichi luoghi santi dell’Ungheria. Nella cripta dell’abbazia sono conservate le spoglie di Andrea I d’Ungheria, il re fondatore della chiesa dedicata alla Vergine Maria e a St. Agnano d’Orléans.

Tihani: artigianato tipico e cucina
oggetti artigianali Tihany
Oggetti artigianali e vasi di lavanda

Passeggiando lungo le stradine del paese, ovunque si scorgono oggetti artigianali tipici della produzione ungherese: vasellame in porcellana in bella mostra affisso alle recinzioni in legno, sacchetti e mazzetti di fiori di lavanda raccolti in cestini bianchi, alambicchi in rame, borse da spiaggia e zaini in tessuto, saponette, candele, olio, marmellate, miele.

Non mancano i ristoranti dove degustare i piatti e i dolci casarecci degni dell’arte culinaria ungherese a base di pesce di lago cucinato in padella o fritto o assaggiare il famoso formaggio Camembert di Tihany impanato nelle nocciole e cotto in forno.

Lago Balaton Tihany cicogne nere
Cicogne nere (Marek Szczepanek)

Il grande lago ospita il Parco Nazionale di Balaton, inaugurato nel 1997, caratterizzato dalla presenza di geyser, densa vegetazione di canneti e numerose specie di uccelli tra cui gufi, cormorani e cicogne nere.

Si possono praticare vari sport quali la pesca, lo stand up paddle, tour in bici elettrica e trekking scegliendo le escursioni più adatte al proprio allenamento.

Tihany l’eco della principessa triste
Tihany costruzioni tipiche
Tihany ristorante in costruzioni tipiche con tetti in paglia

Un’attrazione da non perdere è l’eco di Tihany. Si tratta di un effetto acustico dovuto alle caratteristiche geografiche e topografiche della penisola omonima. I forti rumori, le grida oppure la musica emessi vicino alla statua della principessa triste da cui è nata la leggenda dell’eco, si propagano nell’aria perché le onde sonore vengono riflesse sia dalle colline circostanti sia dall’acqua del lago creando ridondanti echi.

LEGGI ANCHE  Crociera in Oriente: da Israele agli Emirati Arabi Uniti

Tuttavia la credenza popolare, che si è tramandata per secoli, si rifà all’antico racconto secondo il quale l’eco proviene dalla principessa che rifiutò di sposare il figlio del Re del Lago, venendo, quindi, punita e condannata per l’eternità ad emettere l’eco.

Informazioni:  https://ungherianews.com   –   www.tihanyiapatsag.hu/

Leggi anche:

NOVARA PUNTA SULLA MOBILITÀ SOSTENIBILE

TALLINN GREEN CAPITAL: FUTURO VERDE E SOSTENIBILE

NEL TARANTINO TRA GRAVINE E CHIESE RUPESTRI

Condividi sui social: