Venerdì 23 Febbraio 2024 - Anno XXII

Valtellina: il piccolo Tibet accoglie i turisti degli winter sports

piste sci Livigno Piccolo Tibet winter (ph. Fabio Borga)

Livigno per la stagione invernale 23-24 propone attività all’insegna degli sport invernali per tutta la famiglia con Vacanza Active. Il 17 dicembre torna la “Sgambeda” la gara di fondo su 35 km. Passeggiata con ciaspole e fat bike su sentieri battuti.

Valtellina Livigno piste Carosello 3000 (ph. Erika Pasin)
Livigno piste Carosello 3000 (ph. Erika Pasin)

La Valtellina ha dato il benvenuto alle prime nevicate, che silenziosamente hanno coperto e imbiancato i paesi, i boschi e le piste da sci. Da quando sono scesi i primi fiocchi di neve, a novembre, Livigno si è preparata ad accogliere l’arrivo dell’inverno.

Gli appassionati di sci e non solo hanno potuto godersi intere giornate alla scoperta del comprensorio sciistico sugli oltre 115km di piste. La neve è scesa in abbondanza, con oltre un metro in quota, e le piste hanno raggiunto condizioni spettacolari. Questo ha consentito a Carosello 3000 di aprire con due settimane di anticipo rispetto a quanto programmato. Da sabato 18 novembre, infatti, si è cominciato a sciare sulle piste Polvere, Baby e sulle piste servite dall’impianto Federia. Il 2 dicembre, invece, sono stati aperti tutti gli impianti e dato il via ufficiale alla nuova stagione degli sport invernali.

Skipass Free per chi soggiorna
piste di fondo gara Sgambeda (ph. Fabio Borga)
La Sgambeda (ph. Fabio Borga)

Anche quest’anno la promozione Skipass Free sarà attiva dal 2 al 22 dicembre, permettendo a tutti coloro che soggiornano in hotel o appartamenti convenzionati (per almeno 4 o 7 notti, fino ad un massimo di 14 notti) di ottenere lo skipass gratuitamente. Il pacchetto è acquistabile tramite prenotazione diretta alla struttura o sul sito livigno.eu. Per i ragazzi nati dal 1999 al 2007, c’è invece una novità: con la promozione YOUTH, si potrà comprare lo Skipass giornaliero ad un prezzo agevolato.

Il 17 dicembre, invece, ritorna La Sgambeda, la classica gara di fondo nella piana centrale di Livigno vede gareggiare professionisti e amatori. Come accade ogni anno (ormai da più di 30 anni) è uno degli eventi più attesi dai fondisti. Gli atleti partecipanti si sfideranno su un tracciato di 35 chilometri da affrontare a tecnica libera, sfruttando tutte le strutture del Centro Fondo livignasco.

LEGGI ANCHE  Trekking per miniere

Vacanza attiva per la famiglia sulle piste di Livigno
Livigno paesaggio sulle piste (ph. Fabio Borga)
Livigno paesaggio (ph. Fabio Borga)

Le attività invernali a Livigno sono davvero tante e soddisfano i bisogni di tutta la famiglia con Vacanza Active, come la chiamiamo a Livigno. Oltre lo sci in pista e il fuori pista in aree sorvegliate, ci sono percorsi costantemente monitorati per fare gite in ciaspole e sentieri battuti per le fat bike. E tantissimi sono i sentieri per immergersi nella natura con i consigli delle Guide Alpine o anche facendosi accompagnare in qualche percorso.

Per i più piccoli ci sono varie modalità per avvicinarli al meraviglioso sport che è lo sci. Maestri formati dalla Scuola Sci Italiana, sanno quando stimolare il coraggio e come educare alla prudenza. I corsi sono pensati sia per chi è alle prime armi, sia per chi ha già iniziato a sciare.

Funivia e piste Carosello 3000 (ph. Erika Pasin)
Funivia Carosello 3000 (ph. Erika Pasin)

I non-sciatori che vogliono godersi la neve fresca, invece, possono scegliere di intraprendere la “Passeggiata in Montagna” partendo dall’arrivo della cabinovia Carosello 3000. Un percorso perfetto per godersi una vista panoramica mentre si cammina sulla neve battuta. Altrimenti è possibile avventurarsi con le ciaspole (racchette da neve) sui quattro “percorsi gestiti”: Valle delle Mine, Baitel da Plascianet, Plazec e Latteria.

Si tratta di sentieri battuti, realizzati a cura del team progetto freeride in aree limitrofe agli impianti di sci che permettono di ammirare da vicino la bellezza della natura del territorio nel silenzio ovattato dalla coltre di neve che ha avvolto il Piccolo Tibet.

Aquagranda il Parco acquatico di Livigno
Villaggio di Natale (ph. Erika Pasin)
Villaggio di Natale (ph. Erika Pasin)

Dopo una giornata sulla neve è il momento di rilassarsi e anche rigenerarsi magari con un tuffo nelle acque calde delle piscine del Parco acquatico Aquagranda di Livigno. Si tratta di un moderno centro acquatico per il benessere e il divertimento di tutta la famiglia.

LEGGI ANCHE  Itinerari religiosi per scoprire la Valtellina

Bambini e ragazzi possono giocare sicuri tra castelli d’acqua, maxi scivoli e piscine baby nell’area Slide&Fun con animatori; mentre i grandi possono crogiolarsi nell’area benessere tra idromassaggi e saune.

Non solo sport

Infine, se stai cercando un modo per trascorrere una giornata diversa, o se desideri rilassarti dopo esserti cimentato in attività come lo sci o le passeggiate con le ciaspole, la Valtellina offre un’esperienza unica che coniuga riposo e cultura: un tour enogastronomico in una delle sue rinomate cantine.

Un tour in Cantina e Degustazione in Valtellina è un’opportunità imperdibile per immergersi nel cuore vinicolo della regione. Mentre fuori il paesaggio è un trionfo di bianco e i picchi innevati svettano nell’azzurro cielo invernale, tu avrai la possibilità di esplorare un mondo caldo e accogliente, fatto di vini pregiati e tradizioni secolari.

Questo tour ti porta attraverso cantine storiche, dove potrai scoprire i segreti della produzione dei famosi vini rossi della Valtellina, come il Sforzato e il Valtellina Superiore. La guida esperta ti accompagnerà in un viaggio sensoriale, dalla vista delle botti antiche all’aroma intenso del vino che matura. La degustazione ti permetterà di assaporare la ricchezza e la complessità di questi vini, perfetti compagni per un momento di relax dopo una giornata attiva.

Inoltre, la degustazione è spesso accompagnata da assaggi di prodotti locali, come formaggi e salumi, che esaltano i sapori dei vini e ti introducono alla ricca tradizione culinaria della Valtellina. Questo tour non è solo un’esperienza per il palato, ma un vero e proprio viaggio nella cultura della regione, che ti permette di apprezzare la Valtellina da una prospettiva diversa, lontana dalla frenesia delle piste da sci ma ugualmente affascinante.

 

Leggi anche: 

LEGGI ANCHE  A Madesimo si pedala con Claudio Chiappucci

“LE TERRE DEL TARTUFO” 2023 A PIEVE TORINA

CORTINA D’AMPEZZO A SORPRESA ANTICIPA LA STAGIONE INVERNALE

NOVARA PUNTA SULLA MOBILITÀ SOSTENIBILE

Condividi sui social: