Mercoledì 22 Maggio 2024 - Anno XXII

Un silente weekend nel Monferrato

Grana Monferrato vigne noccioleti degustazioni

Nel paesaggio primaverile del Monferrato andiamo alla scoperta su per le colline a bordo di una vespa tra vigneti e noccioleti. Incontri con i produttori locali di vino, distillati, frutta e ortaggi. Curiosità: Ricetto e gioco del tamburello a muro.

Monferrato colline Vigneti Nocciole Distillati
Il nettare del Monferrato (ph. © emilio dati – mondointasca)

Dopo qualche anno torniamo nel Monferrato, questa volta agli inizi della primavera. Il paesaggio è ancora avvolto nelle brume mattutine. Nonostante questa atmosfera nasconda tutto, in lontananza emergono tremolanti figure di alti campanili che punteggiano i paesini arroccati sulle colline circostanti.

In questa avvolgente foschia, nella quale si dissolvono anche i suoni di lontani trattori a lavoro, lo scenario è arricchito da estesi vigneti con nudi virgulti sui quali già appaiono le prime gemme: ben presto coloreranno di un intenso verde l’intero territorio. E saranno proprio i colori dei filari di vite a costituire il fil rouge che cucirà la trama del nostro itinerario.

Monferrato: l’Antico Ricetto a Portacomaro
Portacomaro, colline Monferrato vigneti
Portacomaro, panorama sulle colline circostanti (ph. © emilio dati – mondointasca)

Nell’accezione piemontese il “Ricetto” è un rifugio medievale fortificato e qui a Portacomaro, in provincia di Asti, l’insegna all’ingresso di quest’antico ricovero già denuncia la sua moderna attività: Bottega del Grignolino.

Incastonato in un’alta muraglia difensiva del X secolo, esso ci offre un primo contatto con la tradizionale gastronomia regionale che ben s’accompagna ad una vasta scelta di vini gelosamente custoditi nei crutin, le cantine ipogee scavate nel tufo.
Raggiungendo la parte più alta della fortificazione si arriva nella piazza sulla quale affaccia la chiesa di San Bartolomeo Apostolo e, alle sue spalle, il belvedere sulle colline circostanti.

All’ombra dei noccioleti
Portacomaro nocciola tonda gentile colline Monferrato
lavorazione della nocciola tonda gentile (ph. © emilio dati – mondointasca)

Lasciamo questa cittadina, dove nacque e visse il bisnonno di Papa Francesco, e percorrendo la Provinciale 37, poco fuori dall’abitato scorgiamo la chiesa di San Pietro che, dall’anno 1130, domina dall’alto l’antico tracciato viario ormai rimodernato. 
La nostra prossima meta, poco distante, è l’Azienda Agricola Fratelli Durando, una generazione di agricoltori dediti alla cura di vigneti e noccioleti. Qui assistiamo all’intero ciclo di lavorazione del cultivar Tonda Gentile Trilobata che dà vita alla Nocciola Piemonte IGP. A seguire, una forbita spiegazione ci illustra il procedimento per ottenere la crema di nocciole.

Portacomaro Azienda Agricola Fratelli Durando
Pranzo tra gli alberi di nocciola (ph. © emilio dati – mondointasca)

Mettiamo in pratica gli insegnamenti e, poiché siamo a Scuola, come alunni diligenti mescoliamo energicamente tra loro alcune sostanze trovate sul banchetto che abbiamo occupato; riusciamo quasi magicamente ad ottenere l’agognata e dolcissima crema. 
Siamo giunti all’ora di pranzo e ci invitano a spostarci verso i noccioleti dove ci attendono voluminosi fagotti posti su tavoli sapientemente sistemati all’ombra degli alberi di nocciole. Sciolti gli involucri di tessuto non ci rimane che consumare le gustose pietanze della cucina locale, contenute al loro interno.

LEGGI ANCHE  Il Monferrato vuole diventare Patrimonio Unesco
E Vespa sia!
Grana Monferrato Vespe on the road
Vespe on the road (ph. © emilio dati – mondointasca)

Raggiungiamo ora Grana Monferrato per noleggiare una Vespa. Dopo un breve briefing presso la Enjoy Monferrato montiamo in sella e ci accingiamo a trascorrere alcune ore in giro tra colline col fruscio del vento che sibila attraverso il casco!

L’immortale marchio italiano ci permette di godere appieno del paesaggio collinare, già patrimonio Unesco, che spesso induce un’opportuna sosta per l’irrinunciabile foto.
Così, a moderata velocità, raggiungiamo piacevolmente la vicina Azienda Agricola Garrone dove ci attende una nuova esperienza.

Grana Monferrato Brindisi di benvenuto tra le vigne
Brindisi di benvenuto tra le vigne (ph. © emilio dati – mondointasca)

La centenaria azienda è tuttora condotta dalle nuove generazioni della famiglia Garrone specializzata nella coltivazione di vigneti. Qui si producono etichette DOC e DOCG rivenienti dal vitigno del Barbera, il più diffuso, ma anche il prestigioso Ruchè ottenuto da vitigni autoctoni.

Dopo la visita alle cantine occupate da enormi botti in legno, la visita della tenuta prosegue a bordo di un fuoristrada che ci conduce sulle colline dell’astigiano per visitare parte dei dodici ettari di proprietà coltivati a vigneto. Non ci resta che ammirare il panorama che ci circonda mentre, quasi per magia, dal retro del fuoristrada fuoriescono bottiglie e calici: un esplicito invito per un brindisi benaugurante.
Con la riconsegna degli scooter lasciamo la piccola cittadina di Grana che solo dal febbraio 2023 ha aggiunto al suo nome la denominazione di Monferrato.

Il Tambass
Vignale Monferrato Tambass Partita di tamburello a muro
Partita di Tamburello a muro (ph. © emilio dati – mondointasca)

In Piemonte il tradizionale gioco del Tamburello a Muro è chiamato Tambass. Storicamente risalente al periodo dell’antica Roma, questa tipologia di gioco è molto praticata in Piemonte mentre una sua variante è diffusa nella regione Marche. 
Due squadre di quattro giocatori ognuna si affrontano cercando, col pesante tamburello, di lanciare la palla di gomma nel campo avversario con tale violenza da non permettere che possa essere ribattuta dall’avversario. Una particolarità è data dal cosiddetto “muro d’appoggio”, solitamente una cinta murarie di epoca medioevale presente in molte piazze di paese del Monferrato. Il “muro” serve per imprimere una traiettoria casuale e inconsueta alla palla lanciata su di esso.

Così nello Sferisterio Comunale “Cesare Porro” di Vignale Monferrato abbiamo assistito ad alcune battute della partita che si giocava tra due compagini locali. Ormai il tambass è uno sport che ha il supporto di una Federazione ad hoc oltre ad avere le nutrite tifoserie che, come nel gioco del calcio, seguono i loro beniamini in ogni trasferta.

LEGGI ANCHE  Monferrato: un arcobaleno di colori

Il Consorzio di Operatori Turistici Asti e Monferrato “VIA(E) per Viaggiare” ha creato alcuni interessanti progetti. Tra questi, “Botteghe Autentiche” progetto del quale fanno parte le aziende agricole visitate. Ma ancora il “True Sounds” che, coinvolgendo 18 comuni dell’Astigiano e del Casalese, ha creato un ampio circuito di accoglienza diffusa nel territorio. Il nome del progetto, tra l’altro, fa esplicito riferimento ai suoni rivenienti dal gioco del tamburello. 
Per chi volesse testare l’emozione di cimentarsi in questo gioco e provare quanta abilità sia necessaria per acquisire ogni punto durante un incontro, è necessario rivolgersi all’Ente Sistema Monferrato VIA(E) per Viaggiare (info@sistemamonferrato.it).

La cantina ipogea
Vignale Monferrato Cantine Hic et Nunc
Cantine Hic et Nunc (ph. © emilio dati – mondointasca)

A Vignale non può mancare la visita alla moderna cantina Hic et Nunc. E proprio come dice l’insegna è il momento di testare i loro vini. Mentre la bottaia è sottoposta al livello stradale, la sala allestita per le degustazioni è una lunga e grande vetrina che si affaccia sulla campagna circostante: un panorama che arriva fino a scoprire, in lontananza, il centro abitato di Vignale.

Nelle loro etichette non mancano le Barbera d’Asti e del Monferrato, entrambe DOCG, ma anche il Grignolino ed il Nebbiolo come etichette DOC. Tra i vigneti di proprietà che circondano la cantina è possibile intraprendere un percorso di wine trekking, sorseggiando un’ottima Barbera. Nel caso le degustazioni siano state abbondanti, accanto all’enoteca vi è una struttura agrituristica il cui nome la dice lunga: Ca’ dell’ebbro!

Ci mancava il grappino
Distillerie Mazzetti Altavilla Monferrato
Distillerie Mazzetti D’Altavilla (ph. © emilio dati – mondointasca)

Ci spostiamo ora ad Altavilla Monferrato per visitare l’antica distilleria Mazzetti D’Altavilla. Fu a metà dell’Ottocento che questa famiglia decise di utilizzare le vinacce, ai quei tempi considerate materiale di scarto, per ottenere dalla loro distillazione, la grappa.

La moderna distilleria, preannunciata dall’alta Torre Panoramica, occupa l’edificio di un antico monastero circondato da un parco nel quale è inserita l’ottocentesca cappella dedicata a Santa Maria Ausiliatrice.

LEGGI ANCHE  Croazia: Plitvice lo spettacolo dei laghi e delle cascate
Altavilla Monferrato Distillerie Mazzetti
Distillerie Mazzetti D’Altavilla (ph. © emilio dati – mondointasca)

La visita all’opificio inizia dagli ambienti in cui avviene la distillazione delle vinacce. Un procedimento effettuato utilizzando apparecchiature in rame, affiancate sulla parete di fondo come fossero luccicanti canne d’organo.
Si prosegue attraversando la Barricaia, dove le grappe piemontesi restano a “riposo” nelle grandi botti in legno, per raggiungere i vasti ambienti dove è possibile la degustazione delle ottime grappe ma, soprattutto, dove c’è solo l’imbarazzo della scelta nel decidere quali bottiglie di grappa portar via.

Nei dintorni di Asti
Monferrato Asti confetture azienda agricole Agripassione
Confetture dell’Azienda Agricola Agripassione

A pochi chilometri dal capoluogo astigiano, una cena può benissimo rappresentare la conclusione di questo breve weekend. Abbiamo scelto così l’Azienda Agricola Agripassione, un nome appropriato per la cura e l’amore per il proprio territorio dimostrato dall’intera famiglia di Alessandro e Laura. All’interno della struttura, lungo le pareti di un’ampia sala, sono esposte le innumerevoli confezioni di ortaggi e frutta conservata sotto vetro; anche qui nonostante l’ampia offerta ci accontentiamo di portar via solo alcuni campioni dei loro prodotti.

Infine, grazie ad Alessandro, camperista da sempre, questa struttura agrituristica è anche un agricampeggio che può accogliere nella fornitissima area di sosta, numerosi turisti itineranti.

Link utili:

Portacomaro (Asti)
– Antico Ricetto – Piazza Guglielmo Marconi, 16 – 0141 202699/351 0329854 – chiuso giovedì
– Azienda Agricola F.lli Durando – viale A. Degiani 33 – 327 7867161 – www.fratellidurando.it – info@fratellidurando.it

Grana Monferrato (Asti)
– Enjoy Monferrato, corso Garibaldi 23 – 349 5281476/349 2260632 – www.enjoymonferrato.com
Azienda Agricola Garrone, via Roma 58 – 0141 92629 – www.vinigarrone.it

Vignale Monferrato (Alessandria)
– Sferisterio Cesare Porro, via Mazzini 10
Comune, piazza del Popolo 7 – 0142 933001
– Cantina Hic et Nunc – località Cà Milano 7 – 0142 670165 – www.cantina-hicetnunc.it
– Ca’ dell’ebbro – località Cà Milano 7 – 0142 670166 – www.cadellebbro.it

Altavilla Monferrato (Alessandria)
– Mazzetti D’Altavilla – viale Unità d’Italia 2 – 0142 926147 – www.mazzetti.it

Asti:  Azienda Agricola Agripassione – località Valmanera 63 – 0141 272962 – www.agripassione.it

PHOTO GALLERY MONFERRATO

Leggi anche: 

ARTE E GUSTO IN TOSCANA: LUCCA, VALGIANO, COLOGNORA

COLORI E LUCE NEL PONENTE LIGURE

ARTE E GUSTO IN TOSCANA: PISA, CALCI E LARI

Condividi sui social: