Sabato 3 Dicembre 2022 - Anno XX
Massachusetts: piccole città, grandi Musei

Massachusetts: piccole città, grandi Musei

North Adams e Stockbridge sono due cittadine del Massachusetts prossime ai confini del Vermont e dello Stato di New York. Tipico esempio di decentramento culturale negli States, vantano entrambe un interessantissimo Museo

Massachusetts Mass MoCa

Mass MoCa

Immaginate di percorrere un lungo viale in direzione dell’ingresso; nella vostra mente avete ancora l’immagine dei boschi che avete appena attraversato per giungere sin qui. State camminando meccanicamente, non prestate attenzione a tutto ciò che vi circonda. A un certo punto, percepite la presenza di qualcosa di inconsueto, di strano; girate lo sguardo verso destra e li vedete: …alberi che crescono a testa in giù? Sembra impossibile crederci e certamente non succede in natura.
Ma non al Mass MoCA (Massachusetts Museum of Contemporary Art) il più grande centro per le arti visuali degli Stati Uniti che si trova nella cittadina di North Adams; un laboratorio in continua evoluzione per lo sviluppo e la presentazione dell’arte contemporanea.

 

 

Quella appena citata s’intitola Tree Logic, è opera di un’artista australiana ed è solo una delle realizzazioni che compongono le mostre in esposizione al Mass MoCA, un grande centro espositivo che raccoglie i lavori di artisti di tutto il mondo. Si tratta di opere in sostanza inedite, a causa delle gigantesche proporzioni di alcune di esse, ma unite tra loro dallo stesso approccio critico nei confronti del mondo scientifico.
Ultimo nato di una serie di musei dello stesso genere che nell’ultimo decennio sono cresciuti in città come Miami, Chicago e Denver, il Mass MoCA si trova a North Adams, una cittadina nel nord del Massachusetts a poca distanza dal confine con lo Stato del Vermont.

Massachusetts Mass MoCA

Mass MoCA

 

 

Il museo sorge all’interno di un’imponente area industriale dismessa verso la metà degli anni Ottanta, abbandonata dalla fabbrica di componenti elettrici che la occupava. Si era, infatti, sempre più accentuato il declino dell’industria manifatturiera americana a favore delle tecnologie informatizzate che in quegli anni andavano decisamente affermandosi in tutto il mondo. La chiusura dell’impianto produttivo fu un evento traumatico nella vita della piccola comunità, e la riconversione dell’area ha rappresentato una forte spinta verso la ripresa, culminata nel 1999 con l’apertura del museo. Mass MoCA nasce, infatti, con l’ulteriore finalità di costituire un elemento rivitalizzante per la città di North Adams, grazie soprattutto ai numerosi posti di lavoro che ha contribuito a creare. Attualmente il Mass MoCa funziona come un banco di prova per opere che esplorano i nuovi confini dell’arte contemporanea, attraverso l’impiego di nuovi mezzi, tecnologie e materiali.

Mass MoCA , a North Adams, Massachusetts, è aperto tutto l’anno, dal 1° giugno al 31 ottobre, dalle 10.00 alle 18.00 e dal 1° ottobre al 31, dalle 11.00 alle 17.00. www.massmoca.org

Norman Rockwell Museum.

Norman Rockwell Museum.

Spostiamoci più a sud, a Stockbridge. Buona parte della notorietà di cui gode la cittadina la si deve senz’altro all’opera di Norman Rockwell, uno dei massimi interpreti dell’american way of life, cui è stato dedicato il locale Norman Rockwell Museum.
Nato a New York nel 1894, Norman Rockwell diede mostra del suo talento molto presto, al punto che prima di compiere i 16 anni d’età già aveva ottenuto importanti incarichi come illustratore. Di lì a pochi anni giunse il successo vero e proprio, quando ebbe inizio la sua collaborazione con il Saturday Evening Post, la più famosa rivista americana, per un sodalizio che sarebbe poi durato per ben 47 anni. Per il Post, Rockwell firmò più di 300 copertine e il suo nome giunse così nelle case di tutti gli americani, che impararono a conoscerne il tratto attraverso i disegni che immortalavano i passi più significativi della società americana, quali l’introduzione della radio e della televisione, la diffusione dell’automobile, dell’aviazione civile fino allo sbarco dell’uomo sulla luna. Rockwell terminò la sua collaborazione con il Post con la sua ultima copertina, dedicata all’assassinio del presidente John Fitzgerald Kennedy.
Verso la metà degli anni Cinquanta, Rockwell si trasferì con tutta la famiglia nel Massachusetts, a Stockbridge appunto, dove visse continuando la sua opera fino alla morte, avvenuta nel 1978. Il moderno museo che la città ha voluto dedicargli nel 1993 ospita la più ricca collezione dei suoi dipinti e delle sue illustrazioni originali, oltre allo studio nel quale lavorava, trasferito direttamente dalla sua casa di Stockbridge. Il museo è aperto tutto l’anno: dalle 10 alle 17, da maggio a ottobre; dalle 11 alle 16 da novembre ad aprile. Indirizzo: Route 183, Stockbridge, MA 01262, Tel. 413-2984100; www.nrm.org

© RIPRODUZIONE RISERVATA