Domenica 23 Giugno 2024 - Anno XXII

Asia, benessere “chic” per gente “Vip”

Bagni, saune, massaggi con oli profumati, fitness guidata, pozioni rilassanti, stimolanti, cura maniacale del corpo e soprattutto “coccole”. Dove? Nei paradisi terrestri delle più esclusive Beauty Farm del continente asiatico

Coccole per spirito, mente e corpo
Coccole per spirito, mente e corpo

Strana gente i tailandesi. Sono convinti che, per vivere bene, uno debba anzitutto prendersi cura della propria anima. Solo che l’anima è intrappolata nel corpo e allora tanto vale curare anche quello.
Così, fra una preghiera a Buddha e un’offerta ai monaci, alla fine risulta naturale volersi bene. Attraverso la meditazione? No, con le “coccole” nelle beauty farm più chic del Paese. Che insieme a quelle di Malesia e Indonesia, rappresentano gli angoli di benessere più esclusivi di tutta l’Asia e (forse) del mondo intero.

Thailandia – Chiang Mai

Regent Hotel di Chiang Mai
Regent Hotel di Chiang Mai

Si chiama “Nuat Phaen Boran”. E’ arrivato in Tailandia 2500 anni fa insieme al buddismo e alla scrittura sanscrita ed è il pezzo forte della Lanna Spa del Regent Hotel di Chiang Mai, un luogo di delizie con padiglioni, piscine, giardini disposti a ferro di cavallo, attorno alle risaie. In questo panorama incorniciato da due monti dai nomi evocativi, il Drago Azzurro e la Tigre Bianca, il Nuat Phaen Boran, ovvvero il massaggio tradizionale tailandese, viene praticato da ragazze belle e sorridenti che, nell’ordine: vi distendono i muscoli, vi fanno “scrocchiare” il collo, vi rilassano le articolazioni. Un’ora e mezza di “tortura” e siete come nuove.
Per rendere più fluido il notoriamente arrugginito “fil rouge” fra corpo e mente, a Chiang Mai non ci sono solo due millenni e mezzo di tradizione.
Tutto il complesso, camere e Spa, è un capolavoro di bioarchitettura, con ruscelli che puliscono le energie in un luogo già di per sé carico di “Chi”, l’energia positiva della terra. Voi non dovete fare niente. Tranne, ovviamente, scegliere quello che volete farvi fare: massaggio tradizionale tailandese, rainshower (una multi-doccia che stimola la circolazione) l’Oriental Blend, un mix tra digitopressione sui meridiani e massaggio con oli essenziali. Un’altra ora di lettino e toccherete il cielo con un dito.

LEGGI ANCHE  Primavera Slow nel Parco del Delta del Po

Thailandia – Chiva Som

Fitness all'orientale al Chiva Som
Fitness all’orientale al Chiva Som

Il paradiso per i tailandesi si trova duecentocinquanta chilometri a sud di Bangkok, su una spiaggia spolverata di borotalco. Entrarci è semplicissimo: basta varcare i cancelli di un “wellness resort” famoso in tutto il mondo, il Chiva Som che, guarda caso, nella lingua locale vuole proprio dire “paradiso della vita”.
In questa beauty farm sulla baia di Hua Hin, costata la bellezza di ventisei milioni di dollari, non ti fai semplicemente massaggiare. Cadi in un oblio ristoratore, sprofondi nel benessere più totale, riscopri energie che nemmeno ricordavi di avere.
Va da sé che al Chiva Som vanno e vengono top model come Naomi Campbell o Tatiana Dragovich, dee della passerella abituate a esplorare i trucchi più esclusivi al servizio della bellezza.
Ed è normale che, dopo aver staccato assegni da 400 Euro al giorno, qui ti coccolino come un re (o una regina). Fra laghetti, giardini tropicali, cascatelle, jacuzzi e maestri di yoga (più palestre per il fitness, personal trainer per la thai boxing, lezioni di stretching e campi da squash) lo spirito rinasce attraverso la cura (anche sportiva) del corpo. Saggezza orientale e fitness, insomma. Ma anche il posto aiuta.

Condividi sui social: