Lunedì 15 Aprile 2024 - Anno XXII

Nella “Campania Felix” di Caserta, Benevento e Avellino

Oltre a edifici di pregio (il Colosseo, l’Acquedotto di Segovia, le Arene di Verona, Nimes, Arles e quant’altro) l’antica Roma ha lasciato una ricca collezione di massime e sentenze. Celebre è “Ubi Maior Minor Cessat”, laddove il Minor cornuto e mazziato subisce danni non solo morali (leggasi di immagine) ma pure materiali. Campania interna, fai-da-te Cantina di vino Taurasi nell’avellinese È il caso, prosaicamente parlando, dei “Turismi” di Caserta, Benevento e Avellino, vittime del Maior napoletano. E fu così che, stufi di vivere nel Cono d’Ombra proiettato dalla Posizione Dominante (roba da Antitrust) dell’ex Neapolis, nonché penalizzati (la cosiddetta gente … Leggi tutto

Oltre a edifici di pregio (il Colosseo, l’Acquedotto di Segovia, le Arene di Verona, Nimes, Arles e quant’altro) l’antica Roma ha lasciato una ricca collezione di massime e sentenze. Celebre è “Ubi Maior Minor Cessat”, laddove il Minor cornuto e mazziato subisce danni non solo morali (leggasi di immagine) ma pure materiali.

Campania interna, fai-da-te

Cantina di vino Taurasi nell'avellinese
Cantina di vino Taurasi nell’avellinese

È il caso, prosaicamente parlando, dei “Turismi” di Caserta, Benevento e Avellino, vittime del Maior napoletano. E fu così che, stufi di vivere nel Cono d’Ombra proiettato dalla Posizione Dominante (roba da Antitrust) dell’ex Neapolis, nonché penalizzati (la cosiddetta gente fa in fretta a fare di ogni erba un fascio, sente parlare la Jervolino e pensa a tutta la regione) da quanto recentemente accaduto nella Caput Campaniae (Monnezza, Gomorra, Ultras non oxfordiani sui treni) i reggitori delle vicende turistiche di Caserta, Benevento e Avellino hanno pensato bene di mettersi in proprio. O per meglio dire, hanno creato un “loro” prodotto turistico che con la chiacchieratissima ex Partenope nulla ha a che vedere. Dopodichè hanno invitato a quella che gli Yankees chiamano “spot visit” (o forse “visit spot”, che in parole povere vuol dire “sbafa sul posto”) alcuni giornalisti  eno-gastronomici nonché il qui presente scrivano (che di turismo sa quasi molto, mentre dell’enogastronomia – salvo una ormai sessantennale, o giù di lì, robusta utenza – poco o nulla conosce, tant’è che cambierebbe quel lungo non meno che dotto termine vino-gastrico con la più concreta, casereccia, tradizionale e forse più saporita parola Cucina).

Meraviglie casertane

Parco della Reggia di Caserta
Parco della Reggia di Caserta

Allora, Caserta, Benevento e Avellino, mète turistiche indipendenti, in grado di presentare e sostenere una propria programmazione (turistica, enogastronomia, culturale)?
Si potrebbe dire di sì, almeno adesso, nel senso che la “highlight” (l’attrazione massima di un possibile tour di tre o quattro giorni nelle citate province) laddove si intende la Reggia di Caserta, è stata da poco ripittata e appare molto ben presentata (mancano solo alcuni lavori stradali lungo la facciata principale). Un doppio evviva, per il piacere del turista visitatore e per la serenità che finalmente pervade chi scrive, nel passato un filino incacchiato alla vista di tanto abbandono e menefreghismo verso magnifici monumenti. Una reggia, quella di Caserta (beninteso Patrimonio dell’Umanità) che oltretutto è Una e Trina, datosi che oltre all’imponente palazzo vanvitelliano sono proposte due chicche. La prima, si potrebbe dire ovvia quando si fa riferimento a residenze reali, è rappresentata dai giardini, all’italiana e all’inglese, e dal sontuoso parco. La seconda chicca, inattesa e per questo più goduta, è costituita dal Quartiere (Borgo e anche noto come Belvedere) di San Leucio, un intrigante complesso di costruzioni di grande bellezza e interesse storico e sociale (un plauso pertanto a chi ha progettato e ridato vita a tanto elegante complesso e chi volesse saperne di più richieda all’Ept di Caserta il bellissimo libretto, fotocopia dell’originale, “Origine della popolazione di San Leucio di Ferdinando IV MDCCLXXXIX”).

LEGGI ANCHE  Marocco. "Up and Down" tra monti e deserto
Condividi sui social: