Sabato 3 Dicembre 2022 - Anno XX
Jazz sulle Dolomiti

Jazz sulle Dolomiti

Blues, funky, musica gitana, standard swing. Le note risuonano ad alta quota nelle malghe della Val di Fiemme e delle vicine valli. Concerti gratuiti per una pausa musicale dopo-sci dal 6 al 22 marzo

Archivio fotografico Dolomiti Ski Jazz
Archivio fotografico Dolomiti Ski Jazz

5 febbraio – Swing sulle piste da sci. E’ la formula del Dolomiti Ski Jazz, il festival che da 12 anni porta la musica nelle baite e nei rifugi della Val di Fiemme. Quest’anno la rassegna si rinnova a cominciare dal nome. Non più Fiemme Ski Jazz ma, appunto, Dolomiti Ski Jazz, una scelta dettata dall’estensione della portata geografica della rassegna che coinvolge non solo la Val di Fiemme ma anche le vicine Val di Fassa, Valli del Primiero, Vanoi e San Martino di Castrozza Passo Rolle.

Il festival diretto da Enrico Tommasini aprirà il 6 marzo per terminare il 22 dello stesso mese coprendendo tre fine settimana. I concerti saranno eseguiti di giorno nei rifugi, nelle baite e nelle malghe e saranno gratuiti. Il dopo-sci serale invece porterà la musica nei teatri delle valli coinvolte dalla rassegna. A inaugurare il festival, la vocalist Stefania Tschantrer che si esibirà nella Malga Rolle il 6 marzo.

Il cartellone

Archivio fotografico Dolomiti Ski Jazz
Archivio fotografico Dolomiti Ski Jazz

Tra i nomi di punta in cartellone emerge il quintetto di Jorge Rossy, che si presenterà in veste di pianista alla Fiera di Primiero, sempre il 6 marzo; e poi il quintetto del trombettista Jack Walrath, impegnato in un omaggio a Charles Mingus, delle cui mitiche formazioni Walrath fu solista e arrangiatore nel corso degli anni Settanta (Tesero, 11 marzo); il quartetto newyorkese Sangha, guidato da solisti di valore come il sassofonista Seamus Blake e il pianista Kavin Hays (Cavalese, 14 marzo). Altro quartetto in arrivo dalla Grande Mela, Afinidad, con il pianista Ed Simon, il sassofonista David Binney, Scott Colley al contrabbasso e Antonio Sanchez alla batteria (Ziano di Fiemme, 17 marzo).

Concerti gratuiti

Archivio fotografico Dolomiti Ski Jazz
Archivio fotografico Dolomiti Ski Jazz

Chiuderanno il festival il jazz ladino, l’antica lingua locale cantata da Encresciadum (Nostalgia), una formazione di sette elementi con la cantante Silvia Donati (Canazei, 21 marzo), e le musiche del quartetto di Vincent Herring, uno dei principali sassofonisti contemporanei (Canazei, 22 marzo).

I concerti, si diceva, sono tutti gratuiti, fatta eccezione di quelli di Jack Walrath Quintet, Sangha, Afinidad ed Encresciadum: il biglietto intero costa 10 euro; il ridotto per giovani dai 12-25 anni e over 65 costa 8 euro, mentre i bambini fino a 12 anni entrano gratis. L’abbonamento Fidelity Card che prevede l’ingresso a tutti i concerti viene, infine, 20 euro.

 

Per informazioni:

APT Val di Fiemme

Tel. 0462 241111 – 0462 341419 – 0462 352003

info@visitfiemme.it

Dolomiti Ski Jazz

www.dolomitiskijazz.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA