Venerdì 14 Giugno 2024 - Anno XXII

In memoria di un poeta-soldato

A Castelnuovo di Sagrado sta per aprire un parco letterario dedicato al grande poeta del Novecento che combatté in quei luoghi durante la Prima Guerra Mondiale

Giuseppe Ungaretti soldato
Giuseppe Ungaretti soldato

Sabato 18 settembre aprirà al pubblico il primo parco tematico in Italia che rende omaggio a Giuseppe Ungaretti, come poeta e come soldato nei terribili anni della Grande Guerra, sui fronti del Carso e dell’Isonzo. I più noti studiosi della sua opera, insieme ai rappresentanti della casa editrice Mondadori e dell’Associazione Amici di Castelnuovo, che ha promosso il progetto, si ritroveranno a Castelnuovo di Sagrado (Gorizia) per il taglio del nastro del Parco che sorge all’interno della villa cinquecentesca Della Torre-Hohenloe.

Nella tenuta dove si trova l’edificio, si svolsero tra il giugno e il novembre del 1915 alcune tra le più sanguinose battaglie della Prima Guerra Mondiale che videro schierati il comando della III Armata del generale Cadorna e del Re Vittorio Emanuele III contro le truppe austroungariche. Le due linee contrapposte si posizionarono poco oltre la villa che servì presto come punto di smistamento e ricovero delle truppe, con attivo un posto di medicazione per i feriti. Dei giorni degli scontri resta memoria nei camminamenti e nelle trincee ancora visibili nei dintorni della villa e nei graffiti lasciati dai soldati sulle pareti del salone interno, trovati durante i lavori di restauro.

Il Porto Sepolcro

Il bozzetto della torretta-osservatorio
Il bozzetto della torretta-osservatorio

In quei luoghi combatté anche lo stesso Ungaretti arruolato nel 19° Reggimento di Fanteria della Brigata Brescia. Il dramma di un anno passato al fronte gli ispirò versi che riportò su materiale di fortuna, foglietti laceri, cartoline, al margine di vecchi giornali. Versi che andranno a comporre “Il Porto Sepolcro”, raccolta di poesie pubblicata a Udine nel dicembre del 1916.

Quelle poesie ora si possono rileggere nella quiete del parco, incise su stele di pietra carsica per iniziare un itinerario che si snoda lungo il giardino della villa, gli ulivi e le rovine del presidio militare fino ad arrivare al centro dove si innalza una torretta, un osservatorio da cui si domina con lo sguardo il territorio circostante teatro delle battaglie.

LEGGI ANCHE  Parma, riapre il palazzo del Governatore

Scultura e letteratura

La statua in bronzo dello scultore Paolo Annibali
La statua in bronzo dello scultore Paolo Annibali

Il parco ospita anche alcune opere d’arte, una statua in bronzo dello scultore Paolo Annibali che ritrae Ungaretti a grandezza naturale oltre a un incisione su lastra di metallo di Franco Dugo, maestro incisore, che mostra il volto del poeta in età matura. All’interno della villa storica di Castelnuovo si potranno poi consultare testi e vedere filmati, testimonanze storiche e letterarie dell’epoca.

Il progetto “Parco Ungaretti”, curato dall’architetto Paolo Bornello, è uno degli eventi collaterali della 12ª Mostra internazionale di Architettura della Biennale di Venezia. Fino al 26 settembre, a Venezia, al Castello 6113 Borgoloco Pompeo Molmenti si può dare un occhio alla preview del progetto documentato da plastici, pannelli informativi e dettagli tecnico/architettonici. (08/09/10)

 

Per informazioni

www.amicidicastelnuovo.it

Condividi sui social: