Sabato 24 Febbraio 2024 - Anno XXII

Chi non muore

>Chi non muore di Gianluca Morozzi, Guanda Editore, pagine 288, Euro 17,50. ” width=”174″ height=”270″>>Chi non muore di Gianluca Morozzi, Guanda Editore, pagine 288, Euro 17,50. Quando muori, dicono, tutta la vita ti scorre davanti agli occhi. E la vita ora sta scorrendo davanti agli occhi di Angie, colpita a morte dall’assassino che stava cercando. Riversa su un pavimento, Angie ripercorre la catena di eventi che l’ha portata fin lì, lei, studentessa abruzzese di ventidue anni, aspirante cantante con il sorriso alla Angelina Jolie, fuorisede a Bologna, quattro mostri umani come coinquiline e turbolente vicende sentimentali. Tutto per Angie cambia … Leggi tutto

Chi non muore>Chi non muore
di Gianluca Morozzi, Guanda Editore, pagine 288, Euro 17,50.
” width=”174″ height=”270″>
>Chi non muore
di Gianluca Morozzi, Guanda Editore, pagine 288, Euro 17,50.

Quando muori, dicono, tutta la vita ti scorre davanti agli occhi. E la vita ora sta scorrendo davanti agli occhi di Angie, colpita a morte dall’assassino che stava cercando. Riversa su un pavimento, Angie ripercorre la catena di eventi che l’ha portata fin lì, lei, studentessa abruzzese di ventidue anni, aspirante cantante con il sorriso alla Angelina Jolie, fuorisede a Bologna, quattro mostri umani come coinquiline e turbolente vicende sentimentali.

Tutto per Angie cambia quando si ritrova per caso a indagare sull’omicidio di tre dei quattro componenti di una band bolognese, perpetrato una notte, otto anni prima, senza il minimo movente. E quando, soprattutto, si innamora di Mizar, l’unico superstite della band. Mentre cerca di risolvere l’intricato caso con il suo migliore amico, Lucio, e di conquistare il bel Mizar, Angie scivola lentamente in una spirale sempre più oscura, di cui sono parte la gelida Valentina, uno scioglilingua greco, una vecchia discarica in campagna e misteri che si aprono su altri misteri. E poco a poco la vicenda si sposta dalla sala prove e dai vicoli di Bologna a due case gemelle, al termine di un sentiero di cipressi, mentre le atmosfere del romanzo rock si mischiano a quelle di Almost Blue e La casa dalle finestre che ridono. Fino allo sconvolgente, imprevedibile finale.

“Se fosse un film dell’orrore io dovrei fuggire via, adesso. Ma non è un film dell’orrore, è l’inizio della mia storia d’amore meravigliosa. Questa è l’ultima tappa… Prendo un respiro. Infilo la chiave nella toppa. La giro tre volte. La porta si apre. Forza, Angie. Tre, due, uno. Vai. Faccio un passo. E sono dentro.”

LEGGI ANCHE  Haiti. Il silenzio infranto
Condividi sui social: