Mercoledì 17 Aprile 2024 - Anno XXII

L’arte italiana parla contemporaneo

Amaci, l’Associazione dei Musei d’arte contemporanea italiani, associazione non profit che oggi riunisce 27 tra i più importanti istituti nazionali, ha scelto il 6 ottobre per il grande evento dedicato all’arte contemporanea e al suo pubblico: la Giornata del Contemporaneo, quest’anno alla sua ottava edizione. Porte aperte gratuitamente in ogni angolo del Paese, per presentare artisti e nuove idee attraverso mostre, laboratori, eventi e conferenze. Un programma multiforme per vivere il complesso e vivace mondo dell’arte contemporanea. Anche quest’anno, la Direzione Generale per il Paesaggio, le Belle Arti, l’Architettura e l’Arte Contemporanee del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, … Leggi tutto

L'arte italiana parla contemporaneo

Amaci, l’Associazione dei Musei d’arte contemporanea italiani, associazione non profit che oggi riunisce 27 tra i più importanti istituti nazionali, ha scelto il 6 ottobre per il grande evento dedicato all’arte contemporanea e al suo pubblico: la Giornata del Contemporaneo, quest’anno alla sua ottava edizione. Porte aperte gratuitamente in ogni angolo del Paese, per presentare artisti e nuove idee attraverso mostre, laboratori, eventi e conferenze. Un programma multiforme per vivere il complesso e vivace mondo dell’arte contemporanea. Anche quest’anno, la Direzione Generale per il Paesaggio, le Belle Arti, l’Architettura e l’Arte Contemporanee del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, accanto alle più importanti istituzioni italiane, rinnova il suo sostegno ad Amaci e alla Giornata. Self-portrait as Antinous Loving Emperor Hadrian (foto) è l’immagine scelta da Francesco Vezzoli come simbolo della manifestazione. L’opera racchiude i ritratti dell’imperatore Adriano – scultura del II sec. d.C – e del giovane Antinoo – autoritratto in marmo bianco di Carrara dell’artista stesso, in un confronto tra antico e contemporaneo. Tutti gli eventi della Giornata su www.amaci.org/gdc/ottava-edizione. (03/10/2012)

LEGGI ANCHE  Emilio Vedova a Roma
Condividi sui social: