Sabato 10 Dicembre 2022 - Anno XX
Movimento lento lungo le Alpi

Movimento lento lungo le Alpi

Dalle idee ai progetti per le ventisette “perle” distribuite tra sei paesi dell’arco alpino. Per aiutare i visitatori più piccoli a conoscere la natura e scoprire i suoi ecosistemi ci sono i “Rangers”

Alpi Ferrovia Retica

Ferrovia Retica

 

In occasione dell’assemblea annuale di “Alpine Pearls” – il network di località montane creato per promuovere un sistema di mobilità dolce nelle Alpi – sono stati presentati i progetti che le 27 “perle”, distribuite tra i paesi alpini di Italia, Francia, Svizzera, Austria, Germania e Slovenia, hanno sviluppato nel corso del 2012.

“Dolomiti Rangers” un’esperienza per la famiglia

Alpi

Il progetto “Dolomiti Rangers”, presentato dal Comune di Funes/Villnöss, è stato quello che ha raccolto il maggior numero di consensi, prevede una serie di iniziative che vedono nella natura il luogo di esperienze per tutta la famiglia, in particolare per quei nuclei con bambini dai 7 ai 12 anni. La Natura si offre quale opportunità di apprendimento sotto forma di scoperta degli ecosistemi grazie all’aiuto dei Rangers messi a disposizione dalla località, di avventura, ma anche quale luogo per ritrovare se stessi, rallentando i ritmi consueti della quotidianità. Curiosità e interesse ha destato il piano che sarà sviluppato nei prossimi mesi attraverso un progetto di cooperazione Interreg tra le località di Sauris in Friuli Venezia Giulia, Moso in Passiria e Werfenweng nel Salisburghese in Austria. Si tratta di un sistema informatico di orientamento con pensiline digitali concepito per incoraggiare i turisti ad adoperare i mezzi di trasporto pubblico all’interno dei confini territoriali delle tre “perle”.

Escursioni in e-bike

Alpi Con le ciaspole sulla neve

Con le ciaspole sulla neve

Ma diversi sono i progetti di interesse sviluppati anche da altre località. Cogne, ad esempio, da quest’estate ha organizzato una navetta gratuita per collegare il capoluogo con le frazioni del Comune: un esperimento apprezzato sia dai turisti sia dai residenti che hanno approfittato delle dieci corse quotidiane per lasciare a casa l’automobile. Per il futuro, Cogne ha già avviato l’acquisto di nuove e-bike, biciclette con pedalata assistita da un motore elettrico, che andranno ad aggiungersi alle 200 già presenti.
Arosa, la “perla” svizzera, si è impegnata a ideare una serie di escursioni in mountain bike, con soste presso i rifugi per spuntini gourmet e a breve sarà operativa la collaborazione con la Ferrovia Retica per promuovere ulteriormente l’utilizzo del treno. Quale soluzione migliore per limitare il traffico in montagna se non chiudere le strade alle automobili? Questa la scelta di Mallnitz dove, nel 2012, la terza e ultima valle laterale è stata aperta a ciclisti e camminatori, vietando la circolazione ai mezzi motorizzati.
Il servizio di velotaxi, una speciale bicicletta per tre passeggeri, consente di muoversi agilmente nel paesaggio, alla ricerca dell’angolo più spettacolare per contemplare le bellezze della località. Inoltre, per l’inverno, sarà estesa la rete di percorsi innevati su cui avventurarsi con le racchette da neve ai piedi. Proprio per questi e altri progetti è stata assegnata al network Alpine Pearl, non a caso, in questi giorni, l’edizione 2012 del Panda d’Oro, il diploma del Wwf per la conservazione della biodiversità.

 

Info: www.alpine-pearls.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA