Venerdì 19 Aprile 2024 - Anno XXII

In carcere i rifiuti elettronici diventano arte

  Il recupero dei rifiuti elettronici diventa una mostra. Questa mattina a Bologna, nella Sala Polivalente della Regione Emilia Romagna, si inaugura la mostra “opeRAEE, esercizi artistici di recupero degli apparecchi elettrici ed elettronici”, organizzata dal progetto interprovinciale RAEE in Carcere con il patrocinio della Regione Emilia Romagna e dell’Amministrazione penitenziaria regionale, e il supporto del consorzio Ecolight e di Hera SpA. La mostra raccoglie manufatti creativi realizzati all’interno dei laboratori RAEE in Carcere di Bologna e Forlì, in collaborazione con l’associazione Recuperiamoci! di Prato, recuperando vecchi elettrodomestici e parti elettroniche ormai inservibili. I laboratori hanno rappresentato per i detenuti … Leggi tutto

In carcere i rifiuti elettronici diventano arte

 

Il recupero dei rifiuti elettronici diventa una mostra. Questa mattina a Bologna, nella Sala Polivalente della Regione Emilia Romagna, si inaugura la mostra “opeRAEE, esercizi artistici di recupero degli apparecchi elettrici ed elettronici”, organizzata dal progetto interprovinciale RAEE in Carcere con il patrocinio della Regione Emilia Romagna e dell’Amministrazione penitenziaria regionale, e il supporto del consorzio Ecolight e di Hera SpA. La mostra raccoglie manufatti creativi realizzati all’interno dei laboratori RAEE in Carcere di Bologna e Forlì, in collaborazione con l’associazione Recuperiamoci! di Prato, recuperando vecchi elettrodomestici e parti elettroniche ormai inservibili. I laboratori hanno rappresentato per i detenuti un’opportunità per approfondire l’uso dei materiali e delle tecniche artistiche, per incontrare giovani artisti e per riflettere sul tema della creatività e della libertà, anche in rapporto alla detenzione. La mostra è allestita dall’8 al 22 aprile con apertura dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 17. Ingresso libero.

(08/04/2013)

 

Info: www.raeeincarcere.org

LEGGI ANCHE  Archeologia per tutti
Condividi sui social: